Il paradiso delle signore: la grande serie di RAI1



paradiso delle signore

Nelle ultime settimane ha riscosso grande successo la serie TV di RAI1, Il paradiso delle signore, ispirato all’opera di Emile Zola “Al paradiso delle signore”

Il Paradiso delle signore è una serie che racconta ciò che rimane e le speranze di un’Italia che sta uscendo dalla guerra; si tratta di un racconto che parte dagli inizi del 1956, raccontando un’epoca attraverso la storia di un grande magazzino che viene rappresentato come un luogo magico dove i desideri sono delle possibili realtà.

il-paradiso-delle-signorePer rappresentare pienamente il bisogno di rivoluzione dell’epoca, ne Il paradiso delle signore lavorano in maggioranza ragazze giovani, molto invidiate dalle altre ragazze e molto apprezzate dai ragazzi, soprattutto Teresa Iorio (Giusy Buscemi), che rappresenta una ragazza del profondo sud che si trasferisce al nord alla ricerca di un lavoro.

Di fatti, il paradiso delle signore non è soltanto il farsi strada nel mondo del lavoro femminile, ma è anche il sogno di un uomo, Pietro Mori (Giuseppe Zeno), che rappresenta un imprenditore che ha fatto fortuna in America ed è tornato in Italia nel dopoguerra per realizzare il suo sogno più grande, ovvero, importare in Italia un nuovo stile di commercio e comunicazione; un uomo che guarda avanti con grande fama, ma cerca di ben nascondere il suo passato pieno di brutti ricordi e profonde ferite.

Altro punto forte di questo grande magazzino è il reparto pubblicità, capeggiato da Vittorio (Alessandro Tersigni), che viene definito come lo sfrenato e brillante art director, il quale cerca in tutti i modi di dar vita alle sue idee, giungendo addirittura a far aprire un bar all’interno del magazzino, cosa che all’epoca era ben lontana dagli standard.

Dunque, il Paradiso delle signore rappresenta: storie di un passato che sembra lontanissimo eppure è ancora incredibilmente attuale.

Leggi anche