Parco Sempione di Elio e le Storie Tese, un gruppo schierato per la sua città

HomePrima PaginaParco Sempione di Elio e le Storie Tese, un gruppo schierato per...

Le canzoni di Elio e le Storie Tese, è risaputo, non sono mai banali; anzi, i loro testi comunicano sempre messaggi importanti e di grande impatto sociale. È questo il caso del brano Parco Sempione, pubblicato nel 2008 come primo singolo dell’album Studentessi

[ads2] Parco Sempione, un pezzo all’apparenza leggero, disinteressato, come sembra suggerire la prima strofa:

“Parco Sempione / Verde e marrone / dentro la mia città / metto su il vibro / leggo un bel libro / cerco un po’ di relax / all’improvviso / senza preavviso / si sente un pim pam pum / un fricchettone / forse drogato / suona e non smette più (bonghi) / questo fatto mi turba / perchè suona di merda / non ha il senso del ritmo / e non leggo più il libro / quasi quasi mi alzo / vado a chiedergli perché / ha deciso che, cazzo, / proprio oggi / niente lo fermerà”.

Dunque tutto sembra rientrare nella classica scena di un banale litigio al parco, fastidioso, ma in fin dei conti leggero, tra due persone diverse tra loro e nei rispettivi svaghi. Un individuo vorrebbe, ma non riesce, a dedicarsi alla lettura di un libro, poiché disturbato da un suonatore di bonghi che rumoreggia ininterrottamente e, per giunta, fuori tempo, come evidenzia anche il primo ritornello:

Parco Sempione“Piantala con ‘sti bonghi / non siamo mica in Africa / porti i capelli lunghi / ma devi fare pratica / sei sempre fuori tempo / così mi uccidi l’Africa / che avrà pure tanti problemi / ma di sicuro non quello del ritmo”.

S’instaura, nello sviluppo di Parco Sempione, un clima quasi comico nello scorrere dei secondi della canzone, dovuto anche all’inserto in dialetto milanese tra il ritornello e l’inizio della seconda strofa.

Tale vena di comicità persiste anche nella seconda strofa e nel secondo ritornello di Parco Sempione, in cui i due protagonisti cominciano a discutere in merito reclamando, entrambi, la propria libertà d’azione:

“Caro signore / sa che le dico / questa è la libertà / sono drogato / suono sbagliato / anche se a lei non va / non vado a tempo / lo so da tempo / non è una novità / io me ne fotto / cucco di brutto / grazie al mio pim pum pam (bonghi) / Questa cosa mi turba / e mi sento di merda / quasi quasi mi siedo / ed ascolto un po’ meglio / forse forse mi sbaglio / forse ho preso un abbaglio / forse forse un bel cazzo / fai cagare / questa è la verità / Ora ti sfondo i bonghi / per vendicare l’Africa / quella che cucinava / l’esploratore in pentola / ti vesti come un rasta, / ma questo no, non basta / sarai pure senza problemi / ma di sicuro c’hai quello del ritmo”.

A questo punto, si rivela appieno tutta la genialità degli Elio e le Storie Tese, perché il testo diventa decisamente più serio e l’argomento di Parco Sempione si sposta in quello che è il suo reale centro; viene introdotto un nuovo personaggio, non meglio esplicitato, che per “risolvere” i piccoli problemi descritti fino a ora preferisce distruggerli alla base, eliminando il parco in cui accadono:

“Ecco spiegato / cosa succede / in tutte le città / Io suono i bonghi / tu me li sfondi / di questo passo / dove si finirà? / Ecco perchè qualcuno / pensa che sia più pratico / radere al suolo un bosco / considerato inutile / roba di questo tipo / non si è mai vista in Africa / che avrà pure tanti problemi / ma di sicuro non quello dei boschi”.

Parco SempioneDunque si esplicita quello che è il reale messaggio di Parco Sempione: la band denuncia apertamente la vicenda del bosco di Gioia, vero e proprio polmone verde di Milano, destinato a essere raso al suolo per lasciare spazio ai nuovi edifici della Regione Lombardia; nell’ultima parte di Parco Sempione viene fatto riferimento pure alle 16.000 firme raccolte per evitare l’abbattimento, e allo sciopero della fame attuato da Rocco Tanica, tastierista della stessa band. Purtroppo il bosco di Gioia è stato distrutto lo stesso, per di più approfittando di un periodo di vacanza (Capodanno 2006), quando molta gente non era presente in città per poter protestare e opporsi a tale scempio:

“Vorrei suonare i bonghi / come se fossi in Africa / sotto la quercia nana / in zona Porta Genova / sedicimila firme / niente cibo per Rocco Tanica / ma quel bosco l’hanno rasato / mentre la gente era via per il ponte / Se ne sono sbattuti il cazzo / ora tirano su un palazzo / han distrutto il bosco di Gioia / questi grandissimi figli di troia!”

Oltre al messaggio ambientale occorre notare come musicalmente Parco Sempione sia una canzone straordinaria: si ascolti soprattutto la batteria, dai colpi semplici, ma posti in una serie incredibile di controtempi. Dunque gli Elio e le Storie Tese, con Parco Sempione, hanno creato un vero e proprio capolavoro, in cui la poliritmia si sposa con l’eleganza in un mix spettacolare: senza dimenticare quanto sia importante il monito sociale che Parco Sempione, attraverso una storia divertente e per certi versi assurda, ci trasmette.

Gerardo Melehttps://zon.it
Laureato in Lettere, curriculum Pubblicistica, il 25 maggio 2010 e poi in Filologia Moderna il 13 marzo 2013, Gerardo inizia la sua collaborazione con ZerOttoNove nel giugno 2013 occupandosi della cronaca e delle vicende politiche di Calvanico (sua cittadina di residenza), trattando dei più svariati eventi e curando la rubrica CanZONando che propone, di volta in volta, l'attenta e puntuale analisi dei migliori brani della storia della musica. Ex caporedattore di ZerOttoNove.it e di ZON.it, WordPress & SEO specialist, operatore video e addetto al montaggio (in casi estremi), Gerardo ha molteplici interessi che spaziano dallo sport alla letteratura, dalla politica alla musica all'associazionismo. Attualmente svolge l'attività di docente, scrittore e giornalista pubblicista.

Covid-19

Italia
79,368
Totale di casi attivi
Updated on 14 October 2021 - 20:41 20:41