PEBA, la città di Bari accessibile a tutti



PEBA

PEBA, il primo piano eliminazione barriere architettoniche del Comune di Bari

PEBA è il nome per il piano eliminazione barriere architettoniche proposto dal Comune di Bari. Si è tenuto ieri l’incontro  tra l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso, il direttore della ripartizione IVOP Domenico Tondo, il direttore del settore Traffico Claudio Laricchia e il consigliere incaricato del sindaco alle politiche di tutela del diritto dell’accessibilità urbana Marco Livrea per l’avvio della redazione del piano, che risulta essere il primo reale intervento organizzato a livello del territorio comunale.

È possibile, infatti, vivere bene nella propria città solo se questa opportunità è data a tutti. Il PEBA coinvolgerà le attività di diversi assessorati e di conseguenza anche il mondo della scuola, del welfare e dello sport. Il PEBA ha lo scopo di eliminare concretamente gli ostacoli che quotidianamente incontra sulla propria strada chi ha bisogni “speciali”, ma anche quello di distruggere le barriere culturali e sociali largamente presenti in città, “guardando con attenzione ai bisogni di mobilità e informazioni di un rilevante numero di cittadini”, come spiega Marco Livrea.

All’interno del piano triennale per le opere pubbliche sono stati predisposti €900.000 per il PEBA, suddivisi tra il 2016, 2017 e 2018: questo testimonia la volontà da parte del Comune e di tutta la città di dare vita ad un progetto di più ampio respiro rispetto ai precedenti, per risolvere le situazioni di maggiore criticità e non solo problemi contingenti.

Durante l’incontro tenutosi ieri sono state stabilite le linee guida che saranno seguite nelle prossime settimane che vedranno una delibera da parte della giunta comunale per l’istituzione di un gruppo di lavoro sui temi della disabilità che avrà il compito di realizzare un quaderno informativo di indirizzo tecnico che illustri le soluzioni tecniche più appropriate da adottare per l’effettiva eliminazione delle barriere architettoniche.

Il gruppo di lavoro che gestirà il PEBA si occuperà anche di coordinare una serie di interventi per le persone con disabilità ma soprattutto di sensibilizzare la cittadinanza, partendo magari proprio dalle scuole.

È questa, quindi, una grande occasione per la città di Bari per cambiare volto, mostrando sfaccettature di sé che fino ad ora sono state inaccessibili solo ad una parte dei suoi cittadini.  

Leggi anche