Peter White - Rosè

“Rosè” di Peter White è un brano in bilico tra l’indecisione e la certezza, tra il bianco e il nero. Anzi, tra il bianco e il rosso. In una parola: Rosè

Da oggi è disponibile su tutte le piattaforme il nuovo singolo di Peter White dal titolo “Rosè“. Il brano giunge a distanza di pochi mesi dalla pubblicazione di “Sabato sera” in collaborazione con Gemello.

Potrebbe interessarti:

Rosè” si presenta come una dichiarazione d’amore capace di evocare emozioni molto forti in ognuno di noi. Durante l’ascolto del brano sembra quasi di percepire il rumore della pioggia che scandisce il ritmo lento dell’attesa.

Era lunedì pomeriggio – racconta Peter White – e la pioggia scandiva il tempo sulla finestra. Ho iniziato la prima strofa del brano chitarra e voce, tra il fragore dei tuoni e il silenzio ovattato di una stanza. La canzone nasce e prende forma così: cullata da un estremo all’altro. Dalla calma al caos. Da un sospiro al maestrale. Da una passeggiata con il sole a una corsa sotto la pioggia battente. Da un bacio lento a un morso che resta sulle labbra“.

Il brano di Peter White è in bilico tra l’indecisione e la certezza, tra il bianco e il nero. Anzi, tra il bianco e il rosso. In una parola: Rosè.

Vi ricordiamo che dal 24 aprile 2019 è disponibile il suo primo album di inediti dal titolo “Primo appuntamento”. Cliccate qui per scoprire tutti i suoi brani. Buon ascolto!

Testo

Sono in doppia fila che ti aspetto
Dentro il mio maglione, sotto a un lampione spento
Fa male questa pioggia, sembra fatta di vetro
Bevo indecisione e faccio avanti e indietro
E lo so, ah-ah
Sarà che è solo lunedì
E lo so, ah-ah
Un pomeriggio che va via così
Ma restano ancora un po’, ancora un po’ i gesti
Il modo in cui ridi e cammini
Come ti mordi le labbra coi denti
O quando arrossisci e sospiri
E diventi rosé

Il modo che hai, hai, hai di fare l’amore
È come mischiare le droghe
È come ballare se piove
Il modo che hai, hai, hai di fare l’amore
È come mischiare le droghe
È come ballare se piove

Stasera poi io leggo, eh
Il libro poi mi parla di te
Stasera io non reggo, eh
Il mondo pesa senza di te
Le nostre silhouette… che mischiate
Fanno un lento tra la luce fioca
E la mia pelle calda… che si infiamma
Brucia la tua pelle d’oca
E intanto il tuo nome in corsivo nel cielo
Lo evidenzia la scia di un aereo
Nella notte a ventaglio
Il tuo viso è un dettaglio
Nel buio…
Nel buio che c’è

Il modo che hai, hai, hai di fare l’amoreÈ come mischiare le droghe
È come ballare se piove
Il modo che hai, hai, hai di fare l’amore
È come mischiare le droghe
È come ballare se pioveNana-nanana-nana-nana

 

Letture Consigliate