Plastic tax, Gualtieri: “Dobbiamo ridurre la plastica monouso”



Roberto Gualtieri ex Ilva Fisco Elezioni Suppletive Roma Coronavirus Decreto Maggio
Screenshot da Youtube

Il ministro dell’economia lavora a un compromesso sulla plastic tax, Renzi e Bonaccini contrari alla legge sulla plastica. Ora Gualtieri rilancia

Roberto Gualtieri, ministro dell’Economia, sta lavorando a una revisione della plastic tax in modo da trovare un compromesso con Italia Viva e con il presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini.

“Non è corretto dire che facciamo retromarcia, né che chiudiamo la porta a nessuno. Il nostro è un modo serio di procedere: se qualcosa può essere migliorato ci sediamo intorno a un tavolo e studiamo come.” ha detto Gualtieri, come riporta l’Huffington Post.

La “nuova” plastic tax si basa su quattro proposte: un potenziamento del credito d’imposta, un’implementazione degli incentivi per la riconversione, una rettifica sulle tipologie di prodotti soggetti all’imposta e una nuova revisione della platea di oggetti su cui ricadrà la stretta.

Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, aveva definito la misura una “tassa giusta”. Inizialmente aveva ammesso: “Occorre modularla bene, per questo sono disposto a parlare con gli operatori, anche per aiutare la riconversione del settore. Dobbiamo ridurre l’utilizzo della plastica monouso. Non possiamo prima applaudire i giovani in piazza per l’ambiente e poi non agire”.

Le coperture ricavate dalla misura potrebbero, però, essere inferiori a quanto inizialmente previsto. Al ministero si sta lavorando anche in termini di ricavi fiscali, che non siano totalmente alterati rispetto al miliardo abbondante di cui si era inizialmente parlato. Un’iniziativa sicuramente sollevata dalla grande mole di lavoro effettuata da Greta Thunberg, che ha svegliato le coscienze di tutto il mondo.

Leggi anche