procida nino d'angelo
pixabay

Procida capitale della cultura 2022, un grande onore per la Campania e per i cittadini. Il commento di Nino d’Angelo: “Se ci scelgono, vuol dire che ce lo meritiamo”

Il cantante partenopeo Nino d’Angelo commenta la proclamazione di Procida come capitale della cultura 2022. In queste ore, infatti, si è conclusa la dura “sfida” per l’elezione della capitale italiana della cultura. Un onore ed un onere per la regione che ospita la città eletta, che deve assumersi la responsabilità di valorizzare il prezioso gioiello che sarà meta turistica e culturale. Tante le città in lizza: da Trapani, Taranto, Bari e Ancona a città famose per il paesaggio naturalistico come Pieve di Soligo e Verbania.

A spuntarla è stata Procida, deliziosa cittadina, isola napoletana, musa ispiratrice di canti e poemi, che ammalia con i suggestivi colori e seduce con i profumi di mare, terra, buon cibo e tanta tanta storia. Incommensurabile, quindi, l’orgoglio partenopeo. Nino d’Angelo, in un’intervista ad Adnkronos, ha dichiarato: “Sono molto contento, è bello quando la propria terra diventa messaggera di qualcosa di così grande e importante. Se ci scelgono significa che ce lo meritiamo“.

E continua: “Procida è un’isola ancora poco reclamizzata rispetto ad Ischia e Capri perché è più tranquilla invece è bellissima, è bello pensare a Procida come una capitale della cultura. Io – racconta Nino D’Angelo – ci ho girato il mio primo film da regista alla fine degli anni ’80. Procida è isola meravigliosa, la gente è bella, vera e carnale. È un’isola semplice, ancora poco conosciuta e che io amo moltissimo“.