Rai, la Vigilanza boccia Marcello Foa come presidente



Marcello Foa

La Commissione ha respinto la nomina del Governo di Marcello Foa come presidente Rai. Il Movimento 5 Stelle è letteralmente infuriato

Il nuovo presidente della Rai non sarà Marcello Foa. La proposta del Ministero del Tesoro per il vertice è stata respinta dal voto della Commissione di Vigilanza. Foa ha raccolto solo 22 voti sui 27 richiesti dal quorum dei due terzi.

A favore, naturalmente, hanno votato tutte le forze di Governo, ovvero Movimento 5 Stelle e Lega ed anche Fratelli D’Italia. PD, Liberi E Uguali e Forza Italia, però, non hanno partecipato alla votazione, dopo un accordo preso poco prima della riunione a Palazzo San Macuto.

Prendo atto con rispetto della decisione della commissione di Vigilanza della Rai. Come noto, non ho chiesto alcun incarico nel consiglio che mi è stato proposto dall’azionista. Non posso, pertanto, che mettermi a sua disposizione invitandolo a indicarmi quali siano i passi più opportuni da intraprendere nell’interesse della Rai.” ha commentato Marcello Foa.

Dalle parti del Movimento 5 Stelle sono infuriati. E se la prendono soprattutto con le opposizioni.
Volevamo la Rai del cambiamento, l’opposizione ha detto no. Mi auguro che Foa non si dimetta. Il patto del Nazareno regge sulle televisioni, questo è il voto di una minoranza ed è una scelta politica.” ha dichiarato Gianluigi Paragone.

Vogliono una Rai asservita ai comandi di Salvini e della Casaleggio. Il Parlamento ha detto no. La commissione di Vigilanza ha fermato questo scempio orchestrato per avere un presidente funzionale ai voleri dei nazionalpopulisti.” ha dichiarato Maurizio Martina, in festa.

A questo punto, si potrebbe puntare sul nome di Gianpaolo Rossi, uno dei consiglieri votati dal Parlamento, vicino a Fratelli d’Italia ed ex presidente di Rainet. Ma è solo una possibilità come tante.

Leggi anche