Rey Mysterio uccide un wrestler sul ring



rey mysterio

Può succedere che, in uno sport-spettacolo come il wrestling, un lottatore possa uccidere un avversario sul ring? È accaduto a Tijuana, protagonista suo malgrado il noto Rey Mysterio

Tijuana, Messico – Sabato scorso, 21 marzo, un evento di wrestling, sport-spettacolo per eccellenza, si è trasformato in tragedia.

Durante un match di tag, 4 avversari in squadre da 2, Rey Mysterio ha causato accidentalmente la morte di Pedro Aguayo Ramirez.

La morte di Aguayo Ramirez, come si evince dal video del combattimento (e dallo screen poco sotto), è stata dovuta a un calcio volante (dropkick nel gergo del wrestling) da parte di Rey Mysterio che ha causato una frattura cervicale al proprio avversario; nel seguito del video, si vede come Ramirez sia caduto già privo di sensi sulle corde del ring.

Il match è poi proseguito per circa altri 2 minuti prima che gli altri partecipanti e l’arbitro si rendessero conto che Aguayo, 35 anni, era rimasto gravemente ferito.

Rey Mysterio
Il momento in cui Rey Mysterio causa la morte di Pedro Aguayo Ramirez

In Messico sono impazzate le polemiche sulla tempestività con cui è stato soccorso sul ring lo sfortunato Pedro Aguayo Ramirez.

Chi scrive pensa all’accidentalità dell’avvenimento e al fatto che, nel wrestling, molto spesso capita agli atleti di simulare infortuni più o meni gravi per intrattenere un pubblico sempre più numeroso e caloroso.

Una volta che tutto lo staff dello spettacolo si è reso conto della gravità dell’incidente vi sono stati i soccorsi, quindi l’inutile corsa verso il vicino ospedale dove Ramirez è stato dichiarato morto all’01:30 a causa della frattura cervicale rimediata.

Il procuratore generale dello Stato di Baja California ha aperto un’inchiesta sul tragico avvenimento, ma al momento pare che non sia stato emesso nessun ordine di arresto per Rey Mysterio, anche se non è da escludere che lo stesso Rey Mysterio sia stato chiamato per un interrogatorio per ricostruire la dinamica della vicenda.

Leggi anche



Articolo precedenteFantozzi, oltre la risata
Prossimo articoloPapa Francesco visita pastorale a Napoli
Avatar
Laureato in Lettere, curriculum Pubblicistica, il 25 maggio 2010 e poi in Filologia Moderna il 13 marzo 2013, Gerardo inizia la sua collaborazione con ZerOttoNove nel giugno 2013 occupandosi della cronaca e delle vicende politiche di Calvanico (sua cittadina di residenza), trattando dei più svariati eventi e curando la rubrica CanZONando che propone, di volta in volta, l'attenta e puntuale analisi dei migliori brani della storia della musica. Ex caporedattore di ZerOttoNove.it e di ZON.it, WordPress & SEO specialist, operatore video e addetto al montaggio (in casi estremi), Gerardo ha molteplici interessi che spaziano dallo sport alla letteratura, dalla politica alla musica all'associazionismo. Attualmente svolge l'attività di docente, scrittore e giornalista pubblicista.