Riccardo Scamarcio papà di una bambina: riserbo sul nome



Riccardo Scamarcio

L’attore e sex symbol Riccardo Scamarcio è diventato padre per la prima volta: la sua compagna (forse moglie) ha dato alla luce una bambina

Pubblicando delle foto che lo vedono uscire dalla clinica romana in cui la compagna ha partorito, il settimanale Diva e Donna dà la lieta notizia: Riccardo Scamarcio è diventato papà di una bambina, avuta dalla sua compagna Angharad Wood.

Nelle istantanee si vede l’attore e sex symbol pugliese (star del cult Tre Metri sopra il Cielo) uscire dalla clinica in compagnia di  suo fratello e con una carrozzina per la bimba: qualche istante dopo, si vede fare la comparsa anche della sua compagna, già splendidamente in forma con le curve fasciate da un abito dai colori decisamente estivi.

Discrezione

Riccardo Scamarcio e Angharad Wood (40 e 46 anni) stanno insieme da due anni: entrambi, hanno sempre preferito vivere la loro relazione con estrema discrezione, tanto è vero che la notizia della gravidanza di lei (responsabile di un’agenzia di spettacolo) è trapelata solo qualche settimana fa sempre dalle colonne del settimanale Diva e Donna: ma non è finita qui, perchè secondo lo stesso magazine i due si sarebbero anche sposati, qualche tempo fa in gran segreto alla presenza di pochi intimi. Prova ne sarebbe l’anello che lei (già madre di una ragazza avuta da una precedente relazione) sfoggia all’anulare sinistro.

Le congratulazioni della Chiatti

Tra le prime a complimentarsi con Scamarcio per la sua prima paternità è l’attrice Laura Chiatti. I due sono amici da sempre ed hanno condiviso diversi set (da Ho voglia di te Io che amo solo te, fino all’ultimo in ordine di tempo, Gli infedeli su Netflix).

Ecco le parole che l’attrice moglie di Marco Bocci ha riservato a Riccardo nel corso di un’intervista al settimanale Chi in edicola oggi, mercoledì 29 Luglio 2020:

“Sono sicura che impazzirà. Ci conosciamo da vent’anni, siamo come fratelli. Ha un’anima, profonda, sono felice per lui. Sarà un padre pazzesco”.

 

 

Leggi anche