Quale Sanità per l'Italia?

Sanità: 1,5 miliardi di tagli, Lorenzin si oppone. A poco meno da mese dalla presentazione della legge di Bilancio, giunge puntuale la polemica sui fondi per la sanità

[ads1]

Potrebbe interessarti:

ROMA – A poco meno da mese dalla presentazione della legge di Bilancio, giunge puntuale la polemica sui fondi per la sanitàBeatrice Lorenzin

La cifra destinata ai tagli, quest’anno, si aggira intorno a 1,5 miliardi. La notizia, filtrata ieri dal governo, trova l’opposizione della ministra Beatrice Lorenzin che, di contro, pone l’attenzione su un’altra possibilità: la “compensazione”. La proposta dovrebbe essere in grado di mitigare l’intervento, Come? applicando una microtassa da 1 centesimo a sigaretta da cui recuperare 700 milioni da riversare al servizio sanitario per l’acquisto dei farmaci anti tumorali.

Nell’ultimo periodo Pier Carlo Padoan sta conducendo un’azione di forte pressione per rispettare le indicazioni di Bruxelles: “frenata globale dell’economia“, revisione al ribasso delle stime di crescita, stop al taglio Irpef e alla ulteriore richiesta di flessibilità. La posizione di Palazzo Chigi è che la sanità rappresenta circa il 25 per cento della spesa centrale dello Stato, vale a dire circa 420 miliardi al netto dei trasferimenti e degli intessi e che non può rimanere fuori dalla spending review. Inoltre i tagli dovrebbero coinvolgere un altro miliardo sulle spese delle Regioni, mentre i Comuni sembrerebbero “esclusi” dai tagli.

[ads2]

Letture Consigliate