“Seabin” il cestino mangia microplastiche per ripulire le acque di mari, laghi e fiumi

seabin
Immagine da Pixabay

Nel fiume Arno a Firenze questa mattina è stato installato un cestino galleggiante mangia plastica chiamato “seabin” con il compito di ripulire le acque

Nel tratto di fiume Arno davanti alla Società Canottieri di Firenze è stato installato un “seabin” ovvero un cestino galleggiante con il compito di inghiottire, grazie ad un grosso filtro ed una pompa 500 chili di microplastiche e microfibre all’anno.

La Società Canottieri ha deciso di lasciarlo installare nel tratto di sua competenza per contribuire al mantenimento della pulizia delle acque dell’Arno e sensibilizzare la comunità verso il tema ambientale e la salute del fiume, che attraversa una delle città più ricche di cultura.

L’iniziativa fa parte di una campagna denominata “Le nostre acque” gestita da Coop e Lifegate con la collaborazione della Regione Toscana. La stessa regione Toscana è poi responsabile di un protocollo d’intesa denominato “Arno Pulito” che mira ad individuare tutti i possibili strumenti per ripulire le acque del fiume, contando sulla collaborazione della comunità per la cura dell’ambiente.

L’obiettivo è che ogni cittadino faccia propria il conceto della tutela dell’ambiente, preoccupandosi personalmente di ripulire parti di territorio inquinato, che siano acque boschi o fiumi. 

L’assessore alla Presidenza della regione Vittorio Bugli sostiene inoltre che sia importante individuare idee e strumenti innovati per intervenire contro l’inquinamento.

Gli innovativi cestini mangia-plastiche saranno installate in altre località toscane come Castiglione della Pescaia, Livorno, Bocca d’Arno – Marina di Pisa, Lago di Bilancino e molte altre regioni del centro-nord d’Italia.

Articolo precedenteA Barcellona torna il lockdown, a rischio la partita con il Napoli
Prossimo articoloEstrazione Million Day di oggi, venerdì 17 luglio 2020: i numeri vincenti
Avatar
Ho studiato il tedesco, l´inglese e ho qualche infarinatura di svedese ed arabo. Dopo la laurea triennale in Traduzione e Interpretariato a Napoli mi sono trasferita a Gorizia, poi Trieste, Udine, Klagenfurt am Wörthersee e Vienna. In questi posti ho fatto bellissime esperienze di lavoro, tra cui la traduttrice presso l´ORF. Ho conseguito la laurea specialistica a doppio diploma italo-austriaco in Lingue e letterature straniere ed euroamericane ed ho vissuto tanto tempo lontana dalla mia "comfort zone". Ho incontrato tantissime persone e mi sono avvicinata incuriosita alle loro culture. Mi piace la lettura, il mondo dell´informazione, l´arte e parlo molto bene il tedesco. Sono attenta alle problematiche sociali e sensibile alla tutela degli animali randagi.