Sla, l’Aifa ha approvato l’introduzione di un nuovo farmaco



Sla

Dopo il Rilutek, introdotto in Italia nel 1995, l’Agenzia Italiana del Farmaco ha approvato un nuovo medicinale per combattere la Sla, il Radicut

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha accolto favorevolmente la richiesta dell’Aisla, l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, consentendo la diffusione nel nostro Paese di un nuovo farmaco contro la Sla, il Radicut, che contiene l’edavarone, un principio attivo in grado di rallentare la degenerazione motoria causata dalla malattia.

L’unico farmaco disponibile fin ora nel nostro Paese era il Rilutek, approvato nel 1995 ma capace unicamente di prolungare solo di poco la vita del pazienti affetti da Sla. Il Radicut, invece, dopo un’inizio non incoraggiante è stato oggetto di uno studio pubblicato su Lancet Neurology a maggio, condotto negli Stati Uniti su 137 pazienti.

Il Radicut, secondo i ricercatori rallenterebbe il peggioramento delle condizioni in pazienti in cui la malattia è comparsa da due anni, mitigando la condizione di disabilità degli stessi e consentendo una buona fnzionalità respiratoria. In Italia, su una popolazione di circa 6000 individui affetti da Sla, i pazienti idonei dovrebbero essere circa 1600.

Leggi anche