Spostamenti Regionali, ecco le regole del nuovo decreto

dpcm, speranza
Immagine da YouTube Senato

Gli spostamenti regionali continuano ad essere vietati fino al 15 febbraio 2021. La linea del rigore è stata confermata nel Consiglio dei Ministri tenutosi ieri

Gli spostamenti regionali continuano ad essere vietati fino al 15 febbraio 2021. La linea del rigore, anticipata nei giorni scorsi, è stata confermata nel Consiglio dei Ministri tenutosi ieri notte che precede la pubblicazione del testo ufficiale. Sono vietati gli spostamenti interregionali anche tra regioni della zona gialla, se non per i seguenti motivi: salute, lavoro e casi di necessità ed urgenza, da dichiarare nell’autocertificazione.

Tutti gli spostamenti dentro il comune, la regione o fuori di essa non possono avvenire nella fascia oraria dalle 22.00 alle 5.00 del giorno successivo. Il divieto vale anche per le visite a parenti, amici, congiunti e genitori anziani. In zona gialla le visite devono limitarsi al territorio regionale e sono consentite una volta al giorno e nel limite massimo di due persone.

Il Consiglio dei Ministri si è riunito ieri mercoledì 13 gennaio 2021, alle ore 21.55, a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Giuseppe Conte. Segretario il Sottosegretario alla Presidenza Riccardo Fraccaro.

Come dichiarato anticipatamente dal Ministro della Salute Roberto Speranza, il divieto agli spostamenti regionali è stato prorogato, misura necessaria a scongiurare la diffusione fuori controllo del virus, che in questo momento è in una fase di espansione.

“Il decreto conferma, fino al 15 febbraio 2021, il divieto già in vigore di ogni spostamento tra Regioni o Province autonome diverse, con l’eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute”.