Temperature record, attesi 40 gradi al Sud e nuovi temporali al Nord

temporali

Temporali e caldo al nord, previsti oltre i 40 gradi al sud tra martedì e mercoledì. I consigli per proteggersi dal caldo

Caldo e temporali in arrivo in questa calda estate, che sta per raggiungere il suo culmine con la terza ondata di calore della stagione, cominciata da appena due settimana. Oggi la colonnina di mercurio al Nord toccherà i 36-38 gradi, con valori percepiti intorno ai 40. Ma il caldo record è atteso la prossima settimana al Sud, in particolare tra mercoledì e giovedì, quando si potranno anche sfiorare i 40 gradi.

Al Nord però il caldo record porterà anche dei temporali, attesi tra oggi e domani, ed eventuali nubifragi. Si conferma un calo termico a causa dell’aumento dell’instabilità atmosferica, con numerosi temporali, anche intensi, che interesseranno soprattutto il settore alpino ma con temporaneo coinvolgimento anche delle pianure vicine, specie tra Piemonte e Lombardia.

Come difendersi dal caldo

 

Non uscire nelle ore più calde: durante le giornate in cui viene previsto un rischio elevato, deve essere ridotta l’esposizione all’aria aperta nella fascia oraria compresa tra le 12 e le 18.

Migliorare l’ambiente domestico e di lavoro: la misura più semplice è la schermatura delle finestre esposte a sud e a sud-ovest con tende e oscuranti regolabili (persiane, veneziane) che blocchino il passaggio della luce, ma non quello dell’aria. Efficace è naturalmente l’impiego dell’aria condizionata che tuttavia va impiegata con attenzione, evitando di regolare la temperatura a livelli troppo bassi rispetto alla temperatura esterna.

Una temperatura tra 25-27°C con un basso tasso di umidità è sufficiente a garantire il benessere e non espone a bruschi sbalzi termici rispetto all’esterno. Sono da impiegare con cautela anche i ventilatori meccanici. Accelerano il movimento dell’aria, ma non abbassano la temperatura ambientale. Quando la temperatura interna supera i 32°C, l’uso del ventilatore è sconsigliato perché non è efficace per combattere gli effetti del caldo.

Bere molti liquidi: Bere molta acqua e mangiare frutta fresca è una misura essenziale per contrastare gli effetti del caldo. Soprattutto per gli anziani è necessario bere anche se non si sente lo stimolo della sete. Esistono tuttavia particolari condizioni di salute (come l’epilessia, le malattie del cuore, del rene o del fegato) per le quali l’assunzione eccessiva di liquidi è controindicata. Se si è affetti da qualche malattia è necessario consultare il medico prima di aumentare l’ingestione di liquidi. È necessario consultare il medico anche se si sta seguendo una cura che limita l’assunzione di liquidi o ne favorisce l’espulsione.

Non bere bevande alcoliche o bevande contenenti caffeina.

Fare pasti leggeri: la digestione è per il nostro organismo un vero e proprio lavoro che aumenta la produzione di calore nel corpo.