Tempi duri per obesi e fumatori



tempi duri obesi

Tempi duri per obesi e fumatori. In Gran Bretagna dovranno sottostare a ferree regole di condotta per poter accedere alle operazioni chirurgiche salvavita previste dal sistema sanitario

Tempi duri per obesi e fumatori, almeno quelli che abitano nel Regno Unito. Un’azienda sanitaria dello Yorkshire avrebbe emanato alcune direttive, in merito al trattamento delle patologie relative al fumo e al sovrappeso, secondo le quali obesi e fumatori dovranno sottostare, d’ora in poi, a ferree regole di condotta per poter accedere alle operazioni chirurgiche salvavita previste dal sistema sanitario.

Tempi duri per questi pazienti, che dovranno guadagnarsi l’accesso alla sala operatoria previa dimostrazione di coscienza e consapevolezza della propria condizione. Nello specifico, gli obesi dovranno dimagrire del 10% prima di poter essere operati, mentre i fumatori, se dimostreranno di non seguire i consigli del medico, verranno “puniti” con un prolungamento della lista d’attesa rispetto agli altri pazienti, di almeno sei mesi.

Il presidente del Royal College of Surgeons (Rcs), Clare Marx, parla di discriminazione e afferma che i pazienti devono essere trattati solo in base ai sintomi. Ma non si tratta della prima, controversa decisione presa da quest’azienda sanitaria controcorrente. In precedenza l’ospedale aveva annunciato che per obesi e fumatori non sarebbe stato dato l’accesso agli interventi di routine per un anno, sempre previa dimostrazione di buona volontà. Adesso questa nuova decisione, più morbida, che però non ha placato le polemiche nel Regno Unito e ha spinto persino il Ministro Lamb a mobilitarsi.

Una misura severa ma giusta, se pensiamo che queste patologie sono mortali nella maggior parte dei casi, e non si può andare ad agire su un paziente che non è deciso a cambiare il proprio stile di vita. Agire sulla testa del malato, prima che sul corpo, perché il cambiamento parte tutto, imprescindibilmente, da lì.

Leggi anche