Manchester United
Foto: Pixabay

I tifosi del Manchester United invadono Old Trafford e impediscono l’inizio della partita contro il Liverpool: i motivi della protesta

Doveva essere un pomeriggio di spettacolo a Manchester. Invece no, la partita contro il Liverpool non ha mai avuto inizio. I tifosi dei Red Devils hanno superato le barriere fuori dallo stadio e hanno invaso il campo per protestare contro la famiglia Glazer. C’è stato subito l’intervento della polizia e un primo rinvio temporaneo del match, fino alla decisione finale di non scendere in campo.

Potrebbe interessarti:

“Decidiamo noi quando giocate” e “Glazer Out” sono le principali frasi che vediamo da settimane sugli striscioni. Una presa di posizioni di alcuni tifosi, che nasce dall’idea della Super Lega, che vedeva nel proprietario del Manchester United uno dei principali organizzatori. I supporters inglesi hanno più volte manifestato, sia durante gli allenamenti sia in “piazza”.

La squadra ha già avuto un confronto con una piccola frangia di tifosi e Glazer si è già scusato in modo pubblicato, con un comunicato sui canali ufficiale del club. Queste scuse sembrano non bastare. Certo se avessero invaso Old Trafford prima della semifinale di Europa League contro la Roma, il tentativo di “boicottaggio” sarebbe stato più trasparente e meno ipocrita. Ma di fronte alla possibilità di alzare un trofeo anche i negazionisti della SuperLega si tirano indietro.

Letture Consigliate