San donà incidente
immagine da pixabay

Grave incidente sull’autostrada A32 Torino-Bardonecchia. A determinare lo schianto il fondo stradale ghiacciato

Attimi di terrore per un grave incidente sull’autostrada A32 Torino-Bardonecchia.

Potrebbe interessarti:

Lo schianto, avvenuto all’altezza della galleria Serre La Voute, sarebbe stato determinato dal fondo stradale ghiacciato. Il bilancio è drammatico: si contano, al momento, 31 feriti, 25 veicoli coinvolti due morti. Una persona si è spenta sul posto; l’altra, invece, è venuta a mancare all’arrivo in ospedale. Parte dei feriti sono stati trasferiti all’ospedale di Susa, gli altri al Cto di Torino. Le vittime avevano 37 e 71 anni.

Torino: la dinamica dell’incidente

Secondo le prime ricostruzioni, a generare il tamponamento sarebbe stata un’auto uscita di strada in una curva. Il conducente di un’altra vettura si sarebbe fermato per prestare soccorso; a quel punto si sarebbe creata una coda, sulla quale però altri veicoli si sarebbero schiantati ad altissima velocità. I guidatori, infatti, a causa dello strato di ghiaccio presente sull’asfalto, non sarebbero riusciti a frenare prontamente. Per il momento l’autostrada A32 è stata chiusa in direzione di Bardonecchia e, per tutta la durata delle operazioni di soccorso, sarà obbligatoria l’uscita a Susa.

Le parole del presidente dell’Uncem

Il presidente dell’Uncem, Unione piccoli comuni montani, Marco Bussone, non ha risparmiato una critica severa a Sitaf, la società che gestisce l’autostrada: “Le disattenzioni del concessionario della A32 nella gestione del manto stradale nelle scorse ore sono gravissime. E devono essere messe in luce. Una presa di posizione del neoministro Giovannini è necessaria. Diciamo da tempo che il modello di gestione di queste autostrade è inadeguato. Grave non avere sistemi di gestione preventiva più seri“.

Letture Consigliate