Trump contro il Messico: “fermate immigrazione o dazi al 25%”



trump
foto da Pixabay

Il presidente Trump ha annunciato l’imposizione di dazi fino al 25% contro il Messico nel caso quest’ultimo non bloccasse in tempi brevi il flusso di migranti

Annuncio a sorpresa del Presidente USA Donald Trump che minaccia il Messico di imporre nuovi dazi sui prodotti del paese ‘tricolor. Come annunciato dallo stesso Presidente degli Stati Uniti verranno imposti in Giugno dazi del 5% che poi saliranno al 10% in Luglio, al 15% in Agosto, al 20% in Settembre e poi al 25% in Ottobre.

L’unico modo che ha il Messico di fermare queste misure devastanti per la sua economia è quello di porre subito uno stop al flusso di migranti verso gli Stati Uniti. “Non sapevamo, non era atteso” ha dichiarato il vice ministro messicano per il Nord American Jesus Seade che poi ha continuato: “Non ci saranno ritorsioni fino a che queste misure non diventeranno ufficiali. In ogni caso non vogliamo certo una guerra commerciale contro Washington“.

L’annuncio di Trump ha avuto come effetto il crollo del peso messicano, che perde fino al 2,3%. Effetti negativi le hanno fatte registrare anche le borse di mezzo mondo con Francoforte (-1,34%), Madrid (-1,12%), Parigi (-0,96%) e Londra (-0,89%) tutte in rosso dopo l’annuncio preoccupante di Trump.

Nel frattempo è da registrare anche il fallito tentativo dell’amministrazione di Washington di iniziare i lavori per la costruzione del muro al confine con il Messico a El Paso, in Texas, e a Yuma, in Arizona. Il giudice federale Gilliam ha infatti respinto la richiesta del Governo di trasferire parte dei fondi destinati alla difesa verso la costruzione del muro nelle aree di frontiera identificate.

Leggi anche