TV e giornali: i nuovi provvedimenti del Movimento 5 Stelle

TV e giornali

Il sottosegretario Vito Crimi è pronto a mettere tetti a TV e giornali. E prepara una piattaforma tecnologica per leggere tutti i giornali

Il nuovo attacco del Movimento 5 Stelle si concentrerà sull’editoria. Un vero e proprio assalto a Silvio Berlusconi, dato che di mira saranno presi TV e giornali. L’intenzione è quella di mettere veri e propri “tetti”, oltre a preparare una piattaforma tecnologica per leggere i quotidiani online.

Il sottosegretario Vito Crimi ha dichiarato: “Per Silvio Berlusconi è finita la pacchia. Occorre ridistribuire la pubblicità tra TV e giornali. Introdurremo tetti agli spot in televisione e toglieremo i fondi pubblici a tutti gli organi d’informazione. Noi non siamo contro i giornali per partito preso. Vogliamo solo togliere i fondi pubblici all’editoria, non eliminare il Fondo per il pluralismo.

Credo che occorra mettere dei tetti alla partecipazione nelle imprese editoriali da parte di chi non ha come attività centrale l’editoria. Se questi soggetti ricavano un utile dalle loro partecipazioni altri soggetti potrebbero facilmente subentrare. Se invece non ricavano un utile vuol dire che non si comportano da editori ma da sponsor, finanziano un giornale solo per il tornaconto alla propria azienda e non per fare informazione.” ha poi concluso.