4 Settembre 2018 - 11:40

Venezia 75: attesa febbrile per “Vox Lux”: il programma di oggi

Venezia 75

Sarà presentato oggi a Venezia 75 il film “Vox Lux” di Brady Corbet con Natalie Portman e Jude Law. Le altre proiezioni, con uno sguardo alla storia

Settimo giorno di lavori a Venezia 75 caratterizzato da grandi produzioni e un pizzico di glamour: è attesa per questo pomeriggio sul red carpet l’attrice Premio Oscar Natalie Portman che accompagnerà in laguna il nuovo film di Brady Corbet, “Vox Lux”, che la vede nei panni di Celeste, un’aspirante popstar il cui sogno si rigenera dalle ceneri di una tragedia nazionale. Nel cast del film, un musical che conterà sull’apporto della popstar mondiale Sia, anche Jude Law che aveva già lavorato con la Portman dieci anni fa, per “Closer”.

Gli altri film in Concorso

A Venezia 75 oggi arriverà anche “Acusada”, film di Gonzalo Tobal copodrotto da Argentina e Messico. L’accusata del titolo è Dolores, che si trova prima a dover fare i conti con la morte della sua migliore amica e poi ad essere l’unica sospettata per l’omicidio di quest’ultima.

Dalla Germania arriva invece “Opera senza autore” con cui il regista Florian Henckel Von Donnersmarck, dopo “Le Vite degli altri”, torna a parlare di nazismo questa volta attraverso gli occhi di un artista, dilaniato tra l’amore per la sua donna e gli eventi storici che stanno ponendo la sua patria nell’occhio del ciclone.

Fuori concorso

Un’ideale fil-rouge lega la pellicola di Von Donnersmarck al documentario di Giorgio Treves “1938. Diversi”. Quest’ultimo infatti descrive, nello stile del docufilm gli effetti della promulgazione delle leggi razziali in Italia.

Il documentario “Monrovia, Indiana”, descrive invece lo stile di vita della comunità agricola di Monrovia, che resiste alla progressiva occidentalizzazione della società.

Orizzonti

Incontri che cambiano la vita caratterizzano i film in concorso oggi a Venezia 75 nella sezione Orizzonti: quello tra cinque fratelli ed un uomo della città ne “Il Fiume” di Emir Baigazin e quello tra un camionista del Tibet e un giovane autostoppista armato di pugnale in “Jinpa” di Pema Tseden.