revisione scaduta
immagine da pixabay

Per guidare in sicurezza è sempre utile effettuare una verifica dell’assicurazione della propria auto o moto. Ecco i siti per il controllo

Secondo quanto stabilito dall’art. 193 del Codice della Strada chiunque sia in possesso di un’automobile è tenuto a dotarsi di una polizza assicurativa di responsabilità civile, la cosiddetta RCA. Con la de-materializzazione del contrassegno la verifica dell’assicurazione auto è diventata un po’ più complicata. Vediamo tutto quello che c’è da sapere sulla scadenza e la verifica dell’assicurazione auto.

Potrebbe interessarti:

Quando scade l’assicurazione auto

L’assicurazione di un’automobile ha durata variabile. Dipende infatti dal contratto che si è stipulato con l’apposita agenzia. Il contratto assicurativo può essere a durata annuale, semestrale o ancora trimestrale. Ultimamente inoltre si fa sempre più strada la possibilità per l’automobilista di decidere quando attivare o disattivare la propria assicurazione. Questo in base dell’utilizzo che fa del veicolo. Infatti è anche possibile assicurare il proprio veicolo mensilmente.

Come attuare la verifica dell’assicurazione auto

Attualmente è possibile verificare l’assicurazione del proprio veicolo seguendo tre corsie preferenziali. Queste sono il sito per eccellenza Portale dell’automobilista, il sito della CONSAP e apposite app per i dispositivi mobili. Vediamo tutti i passaggi da seguire.

Verifica assicurazione: Portale dell’Automobilista

Il sito è messo a disposizione dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, per verificare l’RCA del proprio veicolo basta recarsi nei servizi online e accedere a verifica copertura RCA”. A questo punto sulla schermata apparirà la barra di ricerca per inserire i dati della targa del veicolo che si vuole controllare. Le informazioni sono aggiornate in tempo reale dalle compagnie assicuratrici. Ciò consente di scoprire la compagnia presso cui è assicurato il veicolo e la data di scadenza della copertura.

Se entrate nel portale e inserite gli appositi dati, potreste riscontrare che il vostro veicolo non risulti coperto da assicurazione RCA pur avendo in corso un regolare contratto con una compagnia assicurativa. In questo caso, dovete immediatamente contattare l’agenzia di riferimento. Infatti, è possibile che ci sia un ritardo nell’inserimento dei dati.

Sito Consap, come controllare assicurazione

La verifica assicurazione auto della copertura RCA si può effettuare anche mediante il sito CONSAP, raggiungibile cliccando sul seguente link. Si tratta della Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici che tra le altre cose gestisce il Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada. Esso è l’organismo che a determinate condizioni risarcisce i danni da sinistro stradale causati da veicoli non identificati o non assicurati.

Per controllare l’assicurazione del proprio veicolo è necessario registrarsi al sito inserendo i dati richiesti, accedere all’area personale e seguire i semplici passaggi che vengono indicati. Il sito della CONSAP permette di ottenere informazioni sulla copertura RC auto di tutti i veicoli immatricolati nei 27 Paesi dell’Unione Europea, mentre il Portale dell’Automobilista solo dei veicoli immatricolati in Italia.

Controllo assicurazione mediante App

Per la verifica assicurazione auto ci si può anche affidare alle numerose App per dispositivi mobili, sia Android che IOS, presenti sugli apposti store. Di solito si tratta di applicazioni gratuite ma alcune offrono anche ulteriori servizi a pagamento, di solito si tratta di App che presentano un ottimo grado di affidabilità.

Come rinnovare la polizza auto

Prima della scadenza occorre sempre rinnovare l’assicurazione del proprio veicolo per evitare di incorrere in rischi e sanzioni. Di norma la compagnia assicurativa con la quale si è stipulato l’apposito contratto di polizza ricorda almeno 30 giorni prima di rinnovarla fornendo anche dettagliate indicazioni per procedere al rinnovo. Oltre all’estrema semplicità degli strumenti messi a disposizione dalle compagnie assicurative per poter gestire la propria verifica assicurazione auto, l’abolizione del tacito rinnovo porta con sé ulteriori vantaggi, come ad esempio quello di essere liberi di scegliere e di cambiare compagnia, mettendo a confronto le rispettive offerte, paradossalmente a ogni rinnovo.

Polizza auto e periodo di tolleranza

Le assicurazioni auto e moto annuali, anche con scadenza semestrale, prevedono un periodo di copertura oltre la data di scadenza di circa 15 giorni, valido però soltanto entro i confini italiani. La stessa cosa invece non è possibile per i veicoli su cui sia stato stipulato un contratto di polizza temporaneo o sospendibile. La scadenza semestrale, infatti, riguarda soltanto la diversa rateizzazione del premio assicurativo da corrispondere.

In caso di mancata disdetta il periodo di tolleranza è molto importante, in quanto se la rata o il premio non vengono pagati entro le 23:59 del quindicesimo giorno, il veicolo non è più coperto dall’assicurazione auto e dunque occorrerà procedere a un nuovo contratto, una volta ovviamente saldato quanto dovuto alla compagnia precedente. Il periodo di tolleranza, infine, è valido anche per le vetture guidate da neopatentati.

Assicurazione scaduta e mancato rinnovo: cosa succede?

Guidare un veicolo sprovvisto di autorizzazione comporta gravi rischi e ingenti sanzioni. Inoltre chi viaggia su strada sprovvisto di apposita polizza auto e provoca un sinistro è costretto al risarcimento dei danni nei confronti del terzo coinvolto. Con la guida di un’automobile o di una moto sprovvisti di RCA si rischia inoltre anche il sequestro del veicolo.

Gli importi delle sanzioni

Secondo il codice della strada, la sanzione varia da 841 a 3.287 € ma può essere ridotta del 25% se il rinnovo della polizza viene effettuato entro 30 giorni. La riduzione vale anche in caso di demolizione del mezzo entro 30 giorni dal verbale, ma non prima di aver comunicato l’intenzione all’ente che ha redatto il verbale.

Prima di rimettersi alla guida dunque è necessario provvedere al pagamento della sanzione e sottoscrivere una nuova polizza valida.

Incidente con auto non coperta da polizza assicurativa

Nel caso in cui chi guidi un veicolo sprovvisto dall’apposita copertura assicurativa provochi un incidente stradale sarà tenuto al pagamento dei danni provocati sia alle cose che alle persone. Se la colpa è di chi è sprovvisto di copertura assicurativa, chi ha subito il danno sarà risarcito dal Fondo di Garanzia Vittime della Strada. Ovviamente il Fondo si potrà rivalere contro chi guidava senza assicurazione che sarà quindi obbligato a risarcire con il proprio patrimonio i danni provocati.

Assicurazioni false: attenzione alle truffe sul web

Un’assicurazione falsa equivale ad un’assicurazione inesistente, chi la detiene dunque può incorrere negli stessi rischi di chi guida un veicolo non dotato di polizza assicurativa. A tal proposito occorre prestare estrema attenzione alle offerte assicurative presentate sul web o sui social.

L’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni sottolinea che i pagamenti di premi effettuati a favore di carte prepagate o carte di credito ricaricabili sono irregolari. Un sistema facile di verifica è controllare se c’è un indirizzo PEC in quanto è obbligatorio. I siti o i profili non in linea con queste indicazioni espongono il consumatore a rischio di polizze contraffatte.

Letture Consigliate