william windsor

Il Principe William, dopo l’intervista bomba del fratello Harry e di sua moglie Meghan, ha sbottato così: “Non siamo una famiglia razzista“.

Una reazione abbastanza prevedibile, dopo le accuse di razzismo che si respiravano durante l’intervista di Harry e Meghan. “Non siamo razzisti” ha dichiarato il duca di Cambridge William, secondo in linea di successione al trono britannico. Il primogenito dei Windsor ha inoltre ammesso di non aver ancora parlato con il fratello minore dopo l’intervista.

Potrebbe interessarti:

William, in visita con Kate in una scuola di Stratford, nella zona est di Londra, è stato assalito dai giornalisti, proprio sulla questione della scomoda intervista rilasciata dal fratello minore e dalla sua consorte: Non siamo assolutamente una famiglia razzista” ha sbottato William. In seguito ha aggiunto: “non ho ancora parlato con Harry, ma lo farò. Gli voglio bene, ma siamo orami su ue strade diverse“.

L’intervista

Nel loro colloquio tv con Oprah Winfrey, Meghan e Harry – residenti ormai negli Stati Uniti dopo aver rinunciato a tutti i titoli ed ai benefici che la famiglia reale garantiva, hanno denunciato il senso di abbandono sperimentato a corte. Rivelazioni scottanti anche sugli istinti suicidi avuti a suo tempo dalla duchessa. Meghan ha infatti dichiarato di essere stata rifiutata dall’istituzione monarchica quando ha richiesto assistenza esterna. Il tutto per evitare un possibile scandalo. I due ex-reali hanno inoltre raccontato delle preoccupazioni sul colore della pelle del loro primogenito Archie che sarebbero state espresse a Harry, prima della nascita del piccolo, da un membro di casa Windsor. L’identità è rimasta ignota: i due si sono limitati a scagionare dai sospetti solo la 94enne regina Elisabetta e il 99enne principe consorte Filippo. Che si tratti proprio del fratello William ad aver avanzato quella domanda razzista?

Letture Consigliate