nuovo dpcm
immagine da pixabay

Con le modifiche al DPCM salgono a 12 le Regioni in zona rossa dal 15 Marzo. Oggi Ministri e Governatori faranno il punto, poi via con le modifiche decreto. Le nuove restrizioni inizieranno il 15 Marzo e termineranno il 28. Pasqua blindata

Da Lunedì 15 Marzo l’Italia chiude di nuovo. I dati sull’epidemia mostrano come la maggior parte dele Regioni oscilla tra zona rossa e arancione. Ragion per cui, il decreto che verrà approvato andrà a sostituire l’attuale DPCM inasprendo le restrizioni fino al 6 Aprile. E anche le festività Pasquali verranno blindate, con l’intero Paese in zona rossa per i giorni 3,4 e 5 Aprile. Giovanni Rezza, direttore della prevenzione al Ministero della Salute è chiaro: “I casi stanno aumentando, noi già la settimana scorsa abbiamo puntato l’indice sull’Rt che stava aumentando e di fatto, in diverse Regioni, vediamo la circolazione delle varianti, soprattutto inglese e brasiliana, che circolano rapidamente. Questo fa sì che il numero di casi incrementi. Bisogna adottare misure restrittive per arginare la diffusione delle varianti e fare un invito ai cittadini a mantenere comportamenti estremamente prudenti“.

Potrebbe interessarti:

12 Regioni in zona rossa

Oggi ci sarà la conferma definitiva, dopo la riunione tra Ministri e Presidenti di Regione, ma i dati sull’indice Rt permettono di farsi già un’idea. Con l’indice superiore ad 1 si entra in fascia arancione, con indice superiore a 1,25 si entra in zona rossa. Secondo i dati attuali, passa in rosso da lunedì la Lombardia, il Piemonte, il Veneto, le Marche, il Trentino Alto Adige, l’Emilia-Romagna e il Friuli-Venezia Giulia. Ossia, gran parte del Paese e della popolazione. Addirittura, il Lazio e la Calabria, attualmente in zona gialla, potrebbero finire direttamente in zona rossa. E tutte queste Regioni si aggiungerebbero a Campania, Basilicata e Molise, attualmente già rosse.

Zona arancione e Regioni in Bilico

Tuttele regioni attualmente gialle dovrebbero passare in zona arancione, dove ci sono già la Toscana – che è in bilico – , Abruzzo e Umbria. La Sardegna, nonostante resti in zona bianca, rimane sotto stretta osservazione. Ma indipendentemente dalla zona rossa, arancio o gialla, i Presidenti di Regione dovranno tenere sotto controllo eventuali focolai.

La terza ondata spazza via anche Pasqua

Le nuove ordinanze per il cambio di fascia delle Regioni entreranno in vigore il 15 Marzo e dureranno fino al 28. E la settimana successiva, tutto il Paese sarà blindato per far fronte alle feste di Pasqua. Analogamente a quanto accaduto durante le festività di Natale, nei prefestivi e festivi rimarranno chiusi bar e ristoranti, limitati gli spostamenti, proibiti gli incontri. E non soltanto nella zona rossa, ma su tutto il territorio nazionale. Si arriverà così al 5 Aprile, data entro la quale il Governo dovrà varare un nuovo provvedimento, sulla scorta dell’andamento della curva epidemiologica.

Letture Consigliate