5 maggio 2002, diciassette anni dall’harakiri dell’Inter



5 maggio

Ricorrono diciassette anni dal famoso 5 maggio 2002, uno dei campionati più combattuti della storia: la Lazio fece piangere Ronaldo

Il 5 maggio, come ogni anno, lascia una ferita aperta nel cuore dei tifosi dell’Inter, che persero il campionato all’ultima giornata, consegnandolo alla Juventus. I bianconeri e i nerazzurri, arrivarono insieme alla Roma appaiate e con la possibilità di festeggiare. Inter 69 punti, Juventus 68, Roma 67.

La Juventus vinse sul campo dell’Udinese per due reti a zero, imponendo la volontà di portare il tricolore a casa sin dall’inizio. La Roma volò a Torino e vinse di misura grazie al gol di Cassano, mentre per l’Inter le cose si complicarono. La partita incominciò al meglio per gli uomini di Hector Cuper, che passarono due volte in vantaggio: prima con Vieri e poi con Di Biagio dopo il momentaneo pareggio di Poborsky.

La Lazio non si scansò e ribaltò clamorosamente il risultato, grazie alla doppietta del ceco e alle reti di Simeone e Inzaghi. Un pomeriggio tremendo per il club di Moratti, che oltre il danno subì anche la beffa, visto che la Roma vinse all’Olimpico e costrinse Ronaldo e compagni a passare per i preliminari di Champions League nella stagione successiva.

L’immagine del brasiliano in lacrime, fotografa alla perfezione il suicidio nerazzurro, un harakiri che non dimenticherà più nessuno.

Leggi anche