Addio alla tessera del tifoso, ecco la “fidelity card”

addio tessera del tifoso

Firmato a Roma il protocollo d’intesa tra Figc, Coni, ministro dell’Interno e ministro dello Sport: la tessera del tifoso si evolve in “fidelity card”, allo stadio tornano tamburi e megafoni

project adv

Vendita dei biglietti, anche il giorno della gara, ai tifosi ospiti dei settori non appositamente dedicati, evoluzione della tessera del tifoso verso la fidelity card, biglietteria libera tranne per le gare che l’Osservatorio per le manifestazioni sportive considera a rischio e abbonamento libero.

Sono queste le principali novità contenute nel protocollo d’intesa “Il rilancio della gestione, tra partecipazione e semplificazione”, firmato oggi nella sede della Figc dalla Federazione, Coni, il ministro dell’Interno, Marco Minniti, quello dello Sport, Luca Lotti, Lega Serie A, B, Pro, Lnd, Aic, Aiac, e Aia.

Non viene fatto nessun passo indietro sulla sicurezza, come ha spiegato Daniela Stradiotto, capo dell’Osservatorio nazionale per le Manifestazioni sportive. Il Protocollo rafforza la cornice di legalità e mira a favorire la fruibilità degli stadi anche semplificando le procedure di acquisto dei biglietti e degli abbonamenti.

“E’ una bella giornata per il calcio-ha dichiarato il presidente del Coni MalagòTutti i provvedimenti presi sono di buon senso. Sta ora alle società assumersi responsabilità. Manca un ultimo pezzetto ma non lo possiamo stabilire oggi: completare l’ammodernamento degli impianti. Qualche esempio virtuoso lo abbiamo avuto ma non può rimanere un’eccezione

Il ministro dell’Interno Minniti ha toccato il tema della violenza: “In troppi casi gli stadi hanno avuto a che fare con la paura. Oggi ci proponiamo di togliere questo sentimento da un luogo di festa e gioia – continua il ministro – Facciamo un investimento di fiducia ma tutti devono impegnarsi a tenere fuori i violenti. È chiaro che questo percorso ha un punto di conclusione: l’ammodernamento delle strutture degli stadi”.

 

Video del giorno