Agrigento con la sua Valle dei Templi invita Gucci



Agrigento

Dopo il rifiuto da parte di Atene arriva l’invito di Agrigento

Pochi giorni fa aveva suscitato scalpore la notizia del rifiuto, da parte dell’Acropoli di Atene, di ospitare la sfilata del celebre marchio Gucci. Al riguardo, il Consiglio archeologico centrale della Grecia (Kas), che gestisce tutti i siti turistici del paese, aveva risposto così: “Il carattere culturale unico dei monumenti dell’Acropoli è incompatibile con questo tipo di evento“. In questo modo, si declinava anche l’offerta di 2 milioni di euro per un piano di restauro dell’Acropoli o per qualsiasi altro progetto.

Ed ecco che prontamente si propone Agrigento, con la sua Valle dei Templi. La proposta è stata avanzata da Giuseppe Parello, direttore del parco archeologico: “I templi greci  ce li abbiamo anche ad Agrigento. Gucci venga da noi. Iniziative come questa hanno un risvolto positivo anche per la nostra immagine”.

Per ora ancora non si parla di denaro, sebbene Parello affermi: “Qui solo bambini e scuole entrano gratis. Per queste iniziative bisogna pagare, e pagare tanto” pur di assolvere ad alcune richieste, come garantire “il rispetto assoluto dei luoghi e la possibilità per il pubblico di visitare la Valle prima e dopo la sfilata. E poi, ovviamente, c’è il fattore decoro, ma ovviamente lo stile Gucci sarebbe una garanzia” . Gucci accetterà l’invito?

I templi di Agrigento, inoltre, avevano già ospitato nel 2015 e 2016 il “Camp” di Google. Ma l’Italia intera non è nuova a questo tipo di eventi, basti ricordare che nel 2016 la fontana di Trevi aveva fatto da passerella alla sfilata di Fendi.

Leggi anche