I borghi italiani: il 2017 è il loro anno

Borghi

Il 2017 è l’anno della valorizzazione e della promozione dei Borghi italiani

In un convegno tenutosi ieri a Roma, il ministro Franceschini e l’assessore regionale dell’Emilia Romagna al turismo e al commercio Andrea Corsini hanno esposto il progetto “Borghi- Viaggio Italiano“. L’iniziativa era stata lanciata già lo scorso anno, ma nel corrente prenderà vita e corpo.

Si tratta della creazione di un sistema di promozione coordinata tra 18 regioni e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Sistema, questo, che vuole andare oltre il semplice soggiorno nel Borgo, creando una visita esperienziale sempre più richiesta dai viaggiatori, alla ricerca di nuove sensazioni ed esperienze anche gastronomiche e seguendo le degustazione di prodotti tipici e tradizionali. A questo punta “Borghi- Viaggio Italiano” che si pone uno sviluppo non solo nazionale, ma soprattutto internazionale.

È questa l’Italia migliore, l’Italia poco nota e diffusa che vogliamo promuovere anche a livello internazionale come espressione del nostro migliore stile di vita. I borghi sono dei veri e propri scrigni che racchiudono eccellenze artistiche, culturali, paesaggistiche ed enogastronomiche. È con soddisfazione che, come Regione Emilia-Romagna, ci apprestiamo a coordinare questo progetto di sistema che vede per la prima volta ben 18 Regioni insieme unire i propri sforzi su obiettivi comuni e condivisi” ha affermato l’assessore regionale Corsini.

Una promozione turistica finanziata con oltre un milione di euro e finalizzata anche a creare occupazione.

Centrale a tal proposito anche il tema della sicurezza dei borghi e, soprattutto, della loro ricostruzione, dopo lo sciame sismico che ha colpito il centro Italia.  I comuni danneggiati, infatti, riceveranno  circa 4 milioni di euro di fondi pubblici per spettacoli dal vivo e attività culturali.