Anna Magnani, la donna di ieri e di domani



anna magnani

Il 7 marzo del 1908 nasceva Anna Magnani, la mamma di Roma, una delle più grandi attrici italiane di tutti i tempi

Domani sarà la festa della donna e come non ricordare Anna Magnani? una delle donne simbolo del nostro Paese?

Dopo numerosi film, in cui interpreta piccoli ruoli, riesce ad imporsi per le sue eccezionali doti di interprete spiccatamente drammatica. A credere nel suo talento è Vittorio De Sica nel 1941 il quale gli offrirà il ruolo di Loretta Prima, artista di varietà, nel film Teresa Venerdì. Recita nell’avanspettacolo di Totò e interpreta il ruolo della ‘verduraia’ romana in Campo de’ Fiori con Aldo Fabrizi.

Il 21 marzo 1956 è la prima interprete italiana nella storia degli Academy Awards a vincere il Premio Oscar come migliore attrice protagonista, conferitole per l’interpretazione di Serafina Delle Rose nel film La rosa tatuata, del 1955, con Burt Lancaster. Per lo stesso ruolo, vincerà anche un BAFTA quale attrice internazionale dell’anno e il Golden Globe per la migliore attrice in un film drammatico.

anna magnani
Anna Magnani in Mamma Roma

Sonno tante le interpretazioni di Anna Magnani, ognuna ha raccontato qualcosa di lei. Da Bellissima di Visconti, in cui è graffiante e sognatrice, a Mamma Roma di Pasolini, in un personaggio che svela il disagio delle periferia di Roma, il complesso rapporto madre/figlio in un momento storico in cui tutto sembra andare alla deriva.

Una donna che viveva ogni singolo personaggio con verità, con passione e impeto. Aveva la capacità di impressionare il pubblico, di commuoverlo e divertirlo, per essere mutevole e sarcastica, usando il corpo come strumento per esprimersi al meglio, interamente.

Nel 1972 la sua ultima apparizione cinematografica, nel cameo fortemente voluto da Federico Fellini per il suo film Roma. Di notte, una dolente Anna Magnani attraversa i vicoli di Roma. Risponde a Fellini e, ridendo, chiude il portone davanti alla macchina da presa e lì conclude la sua lunga e magnifica carriera cinematografica.

Morì a Roma il 26 settembre 1973, all’età di 65 anni, presso la clinica Mater Dei ai Parioli, stroncata da un tumore al pancreas.

Leggi anche