Joe Biden Trump Blinken
Immagine da YouTube

Nel nuovo esecutivo di Joe Biden spiccano ruoli chiave affidati a personaggi molto noti (e importanti) nel mondo dell’alta finanzan. Pyle, Deese e Adeyemo vengono tutti da BlackRock

BlackRock è la più grande società di investimenti del mondo. Opera su scala globale e possiede quote in praticamente tutte le multinazionali e le società che contano qualcosa. Con un patrimonio complessivo di circa 8.000 miliardi di dollari nel 2020 e una diffusione capillare nel mondo, BlackRock è una società estremamente influente. Talmente tanto che persino la Casa Bianca ha le sue “sedi di rappresentanza“. Il legame tra il colosso e Washington è sempre stato forte, ma con Joe Biden raggiungerà nuove vette.

Al momento infatti, sono tre gli uomini di BlackRock che avranno un ruolo chiave nella squadra di governo di Biden. L’ultimo arrivato è Michael Pyle, nientemeno che il Responsabile delle Strategie di Investimento Globali di BlackRock, che fungerà da economista numero uno al servizio della vice-Presidente Kamala Harris. Il secondo arrivato è Brian Deese, ex responsabile per gli investimenti sostenibili del colosso finanziario, che sarà un consigliere economico al servizio del nuovo Presidente. E poi c’è Wally Adeyemo, ex responsabile dello staff (sempre di BlackRock) che ricoprirà il ruolo di vice Segretario del Tesoro.

Tnta finanza potrebbe ostacolare le promesse in campo ambientale

Questa non è la prima volta che BlackRock entra nei palazzi del potere di Washington. E non sarà neppure l’ultima. Lo stesso Deese aveva lavorato già nell’amministrazione Obama. Ma con una compagine così nutrita come quella voluta da Biden, il legame tra Washington e Wall Street potrebbe diventare troppo stretto, togliendo ossigeno ad altri settori.

Prima e dopo la campagna elettorale, Biden ha promesso una svolta della politica nazionale e internazionale degli USA in campo ambientale. Addirittura, Biden ha proposto di ospitare negli USA una conferenza internazionale sul clima già nei primi 100 giorni del suo mandato. Sono promesse che stanno a cuore soprattutto all’ala sinistra del Partito Democratico, agli ambientalisti e oggi anche a molte aziende del settore green. Il mancato rispetto di tali promesse significherebbe un duro colpo alla sua credibilità agli occhi dei suoli elettori.

Peccato che BlackRock sia proprio uno degli ostacoli più grandi da questo punto di vista. Quella che è stata definita la “banca ombra più grande del mondo” ama affermare di essere pro ambiente, ma in realtà fa poco e niente per orientare in tal senso le innumerevoli aziende di cui è azionista. Tra queste figurano anche aziende petrolifere, chimiche, farmaceutiche… persino Atlantia.

Tutto cambia affinché nulla cambi?

Sicuramente, per un politico come Biden, che ha promesso di far cambiare rotta all’America rispetto a quella imboccata da Trump non sarà facile mantenere la parola data. Non quando la sua squadra di governo assomiglia sempre più al Cda di BlackRock. Ma bisogna anche rendersi conto che in America le cose funzionano diversamente: un governo totalmente avulso da Wall Street sarebbe inimaginabile.

E bisogna anche sgombrare il campo sa spiacevoli equivoci: Biden ha promesso di invertire la rotta tracciata da Trump, non dal Partito Democratico.