Camerota, tartaruga nidifica nella spiaggia di Cala del Cefalo

tartaruga

Una tartaruga marina della specie “Caretta Caretta” depone le uova nella spiaggia camerotana di Cala del Cefalo. La schiusa ad agosto, tra circa 50 giorni

Una tartaruga marina della specie “Caretta Caretta” ha nidificato nella spiaggia della Cala del Cefalo di Camerota. Il nido è ubicato davanti a una delle dune presenti tra i camping Odissea e Nessuno, unico lembo di spiaggia del litorale – che si estende, verso Palinuro, sino alla foce del Mingardo – non ancora colonizzato dalla selvaggia “lottizzazione balneare”.

L’eccezionale evento si è verificato nella notte tra il 19 ed il 20 giugno, sotto gli occhi di Carmine, napoletano in vacanza al camping Odissea,  e in spiaggia perché intento a pescare. Intorno alla mezzanotte intravede sulla battigia una sagoma nera muoversi, accompagnata da una lunga onda: non appena identificata la stessa, il turista subito percepisce ciò che di lì a poco sarebbe accaduto.

La tartaruga in circa mezz’ora raggiunge il lato anteriore della duna, a circa 30 metri dalla battigia. Poi lo scavo della buca in altrettanto tempo e infine la deposizione delle uova: diverse decine, forse un centinaio. Carmine custodisce il nido sino all’alba quando giunge il guardiano del campeggio. Con l’arrivo del bagnino si recinta l’area e vengono avvertite tutte le autorità competenti.

In mattinata, in situ, la Capitaneria di Porto, il Sindaco Antonio Romano e l’Assessore all’Ambiente Ciro Troccoli. Nel pomeriggio anche gli esperti di biologia marina della stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli, che hanno applicato nel nido delle sonde, per poter monitorare e studiare il periodo d’incubazione delle uova, rilevando temperatura e umidità della sabbia.

Secondo gli esperti, la schiusa delle uova avverrà non prima di 50 giorni, quindi nella prima metà di agosto, quando il carico antropico nella spiaggia di Cala del Cefalo è ai massimi livelli. Domani alle 12 al Comune di Camerota si terrà una riunione operativa, promossa dalla stazione zoologica Anton Dohrn, per mettere in atto un piano di monitoraggio e salvaguardia del nido.

Un evento straordinario per il Comune di Camerota, appena insignito delle 5 Vele di Legambiente. Testimonianza di una ricchezza di biodiversità, che deve indurre i più a riflettere sul perché bisogna tutelare e valorizzare l’ambiente, prima importante risorsa del comune e vera sostruzione finanche del turismo.

Sfoglia la galleria fotografica – All Rights Reserved Pietro Avallone