Chico Forti, Fraccaro annuncia che l’Italia chiederà la grazia



Chico Forti
Immagine da Pixabay

L’italiano Chico Forti, condannato allʼergastolo nel 2000, ha voluto ringraziare anche Di Maio per il suo impegno. Fraccaro annuncia la grazia

Tenere aperte tutte le strade possibili. Il caso di Chico Forti è sicuramente una delle inchieste più incresciose e importanti, banco di prova per il Governo italiano. Ma ora si giunge ad una vera e propria svolta. Il Governo si muove. Riccardo Fraccaro, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, ha infatti annunciato che chiederà agli USA la grazia per il connazionale. Forti fu condannato all’ergastolo nel 2000 da un tribunale della Florida con l’accusa di omicidio premeditato.

Non vogliamo abbandonare nessuna delle strade possibili. Vogliamo tenere aperte tutte le tre strade. Oltre alla grazia, vi è anche la possibilità della revisione del processo, più lunga e incerta, e quella di cercare di far tornare qui Chico Forti anche se da detenuto.” ha dichiarato Riccardo Fraccaro, sulla vicenda del connazionale arrestato negli USA nel 1998.

Il problema è innanzitutto la tenuta psicologica, perché dopo 20 anni l’ennesima promessa potrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso. Non dobbiamo illudere nessuno, ma nemmeno far sentire meno la nostra vicinanza.” ha poi detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

Lo stesso Forti ha poi voluto ringraziare Luigi Di Maio e la Farnesina per l’impegno profuso: “Onorevole Di Maio, anzi Luigi, visto che già ti considero un amico, tu hai già diritto di richiedere la commutazione di sentenza perché l’Italia è a credito. Abbiamo rilasciato vari cittadini americani inclusi in Italia con sentenze equiparate alla mia. Richieste esaudite in tempi ristretti. Perché io non posso ricevere lo stesso trattamento? Ho passato vent’anni in catene per un delitto che non ho commesso.

Leggi anche