Come diventare consulente SEO in tre semplici mosse

TecnologiaCome diventare consulente SEO in tre semplici mosse

Tutti ormai possono avere bisogno, almeno occasionalmente, di una consulenza SEO e altrettanto diffusa è, quasi di conseguenza, l’ambizione a diventare consulente SEO

Chi ha un e-commerce e sta provando a incrementare il volume di vendite, un’azienda desiderosa che il proprio sito si trovi prima di quelli dei competitor quando qualcuno fa ricerche su Google e altri motori di ricerca per prodotti o servizi correlati al proprio business ma, anche, giornali che hanno bisogno di arrivare prima – in tutti i sensi, anche visivamente tra i risultati di ricerca – nella copertura di una notizia: tutti ormai possono avere bisogno, almeno occasionalmente, di una consulenza SEO e altrettanto diffusa è, quasi di conseguenza, l’ambizione a diventare consulente SEO.

Padroneggiare le tecniche di ottimizzazione per i motori di ricerca, però, non è cosa da poco e improvvisarsi esperti SEO è il preludio a risultati disastrosi sia per i progetti digitali dei propri clienti e sia per la propria carriera. Ecco, allora, tre passi indispensabili per diventare consulente SEO esperto.

Tre step (più uno) per diventare consulente SEO

Studiare è il primo. Non ci sono ancora percorsi universitari che formano SEO specialist, ma nei corsi di laurea in marketing digitale offerti ormai da numerose università italiane non mancano esami e laboratori utili a capire meglio come funzionano gli algoritmi dei motori di ricerca, gli investimenti in search engine marketing e via di questo passo.

A prescindere dal percorso universitario seguito, comunque, chiunque voglia diventare consulente SEO farebbe meglio a seguire un corso di formazione sulla SEO: se ne trovano ormai molti, sia dal vivo e sia in remoto, che prevedono alla fine il rilascio di un certificato spendibile sul mercato del lavoro e moduli o pacchetti diversi tarati su diversi livelli di conoscenze pregresse che può avere chi si iscrive.

Per essere sicuri di fare l’investimento migliore per la propria carriera, è utile assicurarsi che soprattutto i docenti del corso siano esperti SEO professionisti: solo in questo modo il corso avrà un’impronta pratica e potranno essere forniti esempi e casi di studio molto utili per chi sta muovendo i primi passi in questo mondo.

Continuare ad aggiornarsi, anche dopo aver completato un corso per SEO specialist, è fondamentale per diventare un consulente SEO esperto e affidabile.

I motori di ricerca rilasciano, infatti, con una certa periodicità aggiornamenti delle proprie funzionalità e dei propri algoritmi e ogni volta che arrivano soprattutto i Core Update di Google significa per chi fa SEO in azienda o come libero professionista per diversi clienti rivedere tutto il lavoro fatto fin lì e sperimentare prassi nuove che possano portare agli stessi buoni risultati in termini di posizionamento.

Quasi subito, ancora, chi ambisca a diventare consulente SEO farebbe meglio a familiarizzare con tool per la ricerca e l’analisi delle parole chiave, per la comparazione di siti competitor, eccetera.

Saranno indispensabili, infatti, nella propria cassetta degli attrezzi e, perché hanno in genere un gran numero di funzionalità e impostazioni specifiche e molto tecniche, è sempre meglio cominciare a “studiarli” per tempo e aver modo di testarli, anche su campagne SEO già realizzate da altri per esempio.

La buona notizia è che la maggior parte hanno modelli di abbonamento freemium e possono essere utilizzati, cioè, gratuitamente e in modalità di prova per un periodo iniziale.

È un modo come un altro per ammortizzare le spese che diventare consulente SEO comporta. Un altro è aprire P.IVA gratis grazie a servizi, come Fiscozen, che in Rete si occupano di assistere professionisti ed imprenditori nella gestione degli adempimenti fiscali, sia nelle fasi iniziali che negli anni a venire.

Redazione ZONhttps://zon.it
I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Covid-19

Italia
101,080
Totale di casi attivi
Updated on 28 September 2021 - 00:14 00:14