Concorso Docenti 2018, le novità anticipate dal Ministro Fedeli

concorso docenti

Stando alle ultime dichiarazioni del Ministro Fedeli, intervenuta durante la VII commissione cultura, il concorso docenti potrebbe arrivare prima del previsto

project adv

“Bandiremo in anticipo il concorso docenti riservato agli abilitati” ha dichiarato il Ministro Fedeli. “Si sta lavorando anche al concorso riservato ai docenti con almeno tre anni di servizio e a quello ordinario per la scuola secondaria”.

In attesa che il nuovo sistema di reclutamento docenti basato sulle assunzioni degli specializzati FIT entri a regime, in questa fase definita “transitoria” il Ministero dell’Istruzione sta lavorando per bandire i concorsi già previsti dalla riforma della Buona Scuola, ovvero quelli dedicati ai docenti abilitati iscritti in seconda fascia (Gae) e ai docenti non abilitati di terza fascia che abbiano maturato 3 anni di insegnamento.

L’anticipazione del concorso riservato ai docenti abilitati permetterà ai vincitori di inserirsi in una graduatoria regionale di merito a seguito di una prova orale non selettiva che si occuperà di accertare i titoli di servizio e professionali che avranno un valore di circa il 60% sul punteggio complessivo.

L’obiettivo del Miur è quello di assumere il nuovo personale a partire da Settembre 2018 e sottolineando inoltre che 50% delle assunzioni si dovranno fare da GaE fino al loro esaurimento, senza dimenticare le graduatorie del concorso 2016.

“Lavoreremo per completare l’iter il più rapidamente possibile e assicurare che i vincitori dei concorsi possano avviarsi al percorso FIT a partire dall’anno accademico 2018/2019” ha aggiunto il Ministro.

Video del giorno

CONDIVIDI
Articolo precedenteNovità Sanremo 2018, niente cover ed eliminazioni
Prossimo articolo“Colpevole del mio stupro”, Asia Argento si difende su Twitter
Germana Giardullo

Ho conseguito la laurea magistrale in filosofia discutendo una tesi dal titolo “identità ebraica, male totalitario e giudizio nel pensiero politico di Hannah Arendt”, con votazione 110 e lode. Attualmente mi dedico allo studio e all’approfondimento della questione ebraica e del conflitto arabo-israeliano. Sono attratta dal mondo della comunicazione e dalle nuove tecnologie d’informazione. Interessata alla politica, l’attualità e al cinema in generale. Nello specifico il cinema d’autore degli anni cinquanta, sessanta e settanta.
Collaboro con la testata zon.it in qualità di responsabile di redazione.