Vaccino coronavirus: accordo con Oxford, 100 mln di dosi entro dicembre



coronavirus vaccino bollettino
immagine da pixabay

La speranza di un vaccino per combattere il coronavirus è sempre più reale. La Oxford University raggiunge un accordo con AstraZeneca: 100 milioni di dosi pronte entro dicembre

La prima fase di sperimentazione clinica del vaccino contro il coronavirus, chiamato ChAdOx1 nCoV-19 e prodotto nello Jenner Institute della Oxford University, sta dando ottimi risultati. La settimana scorsa, infatti, in 5 centri specializzati sparsi sul suolo britannico è iniziata la sperimentazione clinica su 500 volontari, tra i 18 e i 55 anni. La somministrazione, per adesso, è avvenuta in 320 pazienti e al momento i risultati sono incoraggianti, essendo il vaccino ben tollerabile. I primi dati concreti si avranno a fine maggio e per questo motivo, la successiva sperimentazione su 5000 volontari potrebbe iniziare già nel mese di giugno.

Grazie a questi risultati incoraggianti, lo Jenner Institute ha raggiunto un accordo col colosso farmaceutico AstraZeneca, che si occuperà della produzione di massa del vaccino da distribuire alla popolazione. L’accordo, inoltre, è su modello no profit che durerà per tutta la fase della pandemia da coronavirus: ciò significa che l’azienda produttrice non riceverà alcun profitto dalla produzione delle dosi necessarie di farmaco. L’azienda, dal canto suo, assicura che se anche le successive fasi di sperimentazioni dovessero dare risultati positivi, 100 milioni di dosi di vaccino contro il coronavirus potrebbero essere distribuite entro fine anno. 

Gli stessi risultati, si legge su Il Sole 24 Ore, saranno raggiunti in Italia grazie alla partnership tra la Oxford Vaccine Group dell’ateneo inglese e la Advent di Pomezia insieme ad Irbm.

Leggi anche