cuori di cioccolato

Ricetta dei cuori di biscotti al cioccolato fondente leggero per San Valentino

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Cuori di cioccolato

Cuori di San Valentino. Cuori innamorati, cuori infranti, cuori da conquistare… e quindi tanti cuori da regalare! Magari cuori di cioccolato, ma leggeri.

Cuori al cioccolato golosi, ma leggeri si può.

Cosa c’è di più romantico e significativo per la festa degli innamorati che donare all’altro qualcosa per cui si ha investito il proprio tempo? E cosa di più dolce e più godurioso del cioccolato?

Il cioccolato, si sa, è tra i cibi ritenuti maggiormente afrodisiaci. Sollecitando la produzione di endorfina, serotonina e teobromina, i cosiddetti “ormoni della felicità”, favorirebbe energia fisica e benessere mentale, rendendo la persona più disinibita e più disposta all’innamoramento.

Ma attenzione! Solo se il cioccolato in questione è quello fondente, almeno per il 70%.

Se è così, allora abbiamo la possibilità di passare un San Valentino poco calorico, ma molto eccitante.

I cuori al cioccolato che proponiamo per San Valentino sono infatti dei frollini morbidi e gustosi preparati con un impasto a base di cioccolato fondente, con pochissimo burro da poter usare senza lattosio, e farina integrale.

Per la serata dobbiamo restare briosi, ma leggeri.

Cuori di cioccolato

Iniziamo subito a vedere gli ingredienti per 50 biscotti (la serata sarà lunga e ci serviranno anche per il dopo-cena):

  • Cioccolato fondente 150 g
  • Cacao in polvere amaro 50 g
  • Farina integrale 100 g
  • Zucchero di canna 100 g
  • Burro 40 g
  • Uova 1 tuorlo
  • Pizzico di bicarbonato (da sostituire al lievito)

Preparazione:

Per preparare i cuori leggeri al cioccolato s’inizia tritando il cioccolato fondente e sciogliendolo a bagnomaria, per poi, una volta sciolto, lasciarlo raffreddare.

Si mescolano farina, cacao e lievito setacciati o bicarbonato.

In una capiente ciotola si uniscono il burro a temperatura ambiente, lo zucchero di canna (che è migliore di quello raffinato) e il tuorlo dell’unico uovo, mescolandoli fino a ottenere una crema soffice e voluttuosa.

Alla crema ottenuta aggiungeremo il cioccolato fuso freddo e la miscela di farina e cacao.

L’impasto che ne verrà fuori andrà messo in frigo.

Attenzione a non farsi venire la voglia di mangiarlo così com’è! I biscotti vanno rigorosamente condivisi con l’amato/a e mangiati dopo la tappa del frigo e poi quella del forno.

In fondo il desiderio va alimentato con l’attesa.

Lasciamo riposare pertanto l’impasto “al fresco”.

Trascorso il tempo di raffreddamento, creare i cuori con l’impasto sodo reduce dal frigo (di forma e grandezza a nostro piacimento e secondo il grado d’innamoramento ovviamente!).

Cuori di cioccolatoPorre poi questi cuori moretti su una teglia rivestita da carta da forno e riporli nuovamente in frigorifero per almeno 30 minuti.

Tolti di nuovo dal frigo, metterli a cuocerli finalmente in forno – statico e preriscaldato a 180° – per 10 minuti.

Terminata la cottura, estrarremo la teglia per lasciar raffreddare i biscotti.

Pronti? Con calma. L’amore ha i suoi tempi.

A questo punto infatti potremo rendere ancora più appetibile il nostro dono presentandolo alla persona amata in una veste degna di San Valentino.

Conserveremo i nostri biscotti in un barattolo di vetro o in un contenitore di latta, appropriatamente decorato e con bigliettino con dedica a seguito.

O magari nascosto tra i biscotti.

Da scoprire e svelare insieme.

[ads2]

Letture Consigliate
Articolo precedenteBiggio e Mandelli al Festival con una “Vita d’inferno”
Prossimo articoloGrande amore, Il Volo e i sentimenti a vent’anni
Avatar
Laurea in Filosofia con lode, Master universitario in Risorse Umane, Corso di specializzazione in Turismo Sociale e un libro di poesie inedite pubblicato nel 2005. Ma in fondo ciò che volevo fare “da grande” era il Cabaret. Innamorata della mia “divina” terra e dei poteri catartici della natura, mi destreggio nel quotidiano tra sports fuoriporta, danze popolari e laboratori di tipicità nostrane rigorosamente hand made. Vagabonda per vocazione, nel cassetto di casa ho lasciato come sogno un romanzo a 4 mani. E tra un’esperienza e l’altra di questo veloce evolversi del nostro tempo, dal primo giorno del 2015 sono sbarcata in ZON.. new writers generation piena di fermento, di talento e di entusiasmo.