Cyberbullismo, a Messina un incontro sulle nuove minacce del web

CyberZONeCyberbullismo, a Messina un incontro sulle nuove minacce del web

Anche al consiglio comunale di Messina si parla di cyberbullismo: spazio all’analisi dei nuovi pericoli del web e riflessioni sulle soluzioni educative al problema

“Se da un lato l’accesso digitale consente ai nostri ragazzi un gran numero di benefici e opportunità, dall’altro li espone ad una serie di rischi e minacce, tra cui l’accesso a contenuti dannosi, lo sfruttamento e l’abuso sessuale, il cyberbullismo e l’uso improprio di informazioni private. Per tale motivo bisogna vigilare e prevenire”.

Si è espresso in questo modo, il consigliere comunale di Messina Placido Bramanti, nel corso dell’incontro presso la VII Commissione consiliare dedicato alle nuove minacce del web.

All’evento hanno preso parte il dottor Marcello La Bella del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni della Sicilia orientale, e la dottoressa Santina Patanè, Direttore Uoc – Modulo dipartimentale neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza dell’Asp di Messina.

Al centro dell’incontro il fenomeno del cyberbullismo, ma anche i nuovi pericoli del web che la pandemia ha inasprito, così come riportato dalla testata Tempostretto.it

“Se il cyberbullismo, come anche la pedopornografia, rimangono gli elementi di maggior rischio che generano più sofferenze, – continua Bramantiquello più diffuso è l’esposizione a contenuti negativi, come immagini violente, siti o discussioni che promuovono la discriminazione razziale, religiosa o di genere, siti dove si discute di autolesionismo o di anoressia e bulimia, che per questo motivo vanno maggiormente attenzionati”.

Pietro Marchesano
Mi chiamo Pietro, ho 24 anni e studio Lingue e Letterature Moderne all'Università di Salerno. Sempre con la testa in giro per il mondo, scrivo di cronaca, cultura e sport. Divoro film come partite di pallone.

Covid-19

Italia
74,161
Totale di casi attivi
Updated on 29 July 2021 - 07:01 07:01