Tra Capri e Sorrento avvistato un raro esemplare di Diavolo di mare



Diavolo di mare
Foto: Facebook Punta Campanella Parco Marino

Avvistamenti spettacolari nel napoletano: un Diavolo di mare ed un capodoglio sono stati beccati in “vacanza” tra Capri e Sorrento

Arriva l’estate, le prime uscite in mare ed anche i primi avvistamenti anomali ma spettacolari: questo è quanto avvenuto a Capri e Sorrento dove sono stati notati un “Diavolo di mare” ed un capodogolio.

Immediatamente ripresi e resi pubblici sui social, la notizia è diventata virale in breve tempo. L’avvistamento del Diavolo di mare è un evento raro: è avvenuto a Punta Campanella, a largo di Vetara.

Un Diavolo di mare, Mobula Mobular, è apparso improvvisamente a pelo d’acqua. Simile alla Manta, preferisce di solito nuotare in acque molto profonde, anche centinaia o addirittura migliaia di metri. Dal 2004 nella lista delle specie vulnerabili, nel 2006 e’ stato inserito nella Lista Rossa IUCN, delle specie a rischio di estinzione.

Un avvenimento accolto con entusiasmo da Michele Giustiniani, presidente del Parco Marino di Punta Campanella. “Sono video e presenze che fanno bene al nostro mare”, ha risposto con entusiasmo ai microfoni di Ansa. Si tratta della prima di una serie di avvistamenti avvenuti post lock-down: nei giorni scorsi sono stati ripresi anche dei delfini nei pressi di Li Galli, la balenottera a Castellammare di Stabia ed il Capodoglio tra Massa Lubrense e Capri.

Di seguito, ecco il video dell’avvistamento del Diavolo di Mare a Punta Campanella ripreso e postato sui social:

Diavolo di mare al largo di Vetara.

🔵🔵🔵Avvistamento spettacolare questa mattina da parte di Antonio Gargiulo al largo di Vetara, zona A del Parco Marino di Punta Campanella. ➡️Un Diavolo di mare, Mobula Mobular, è apparso improvvisamente a pelo d'acqua. Simile alla Manta, preferisce di solito nuotare in acque molto profonde, anche centinaia o addirittura migliaia di metri. Dal 2004 nella lista delle specie vulnerabili, nel 2006 e' stato inserito nella Lista Rossa IUCN, delle specie a rischio di estinzione.

Pubblicato da Punta Campanella Parco Marino su Sabato 27 giugno 2020

 

Leggi anche