Secondo il 48° Rapporto “Il digitale in Italia” mancano 85mila specialisti

Digitale

Secondo il 48° Rapporto “Il digitale in Italia” mancano 85mila nuovi specialisti, 65.000 dei quali per soggetti di primo impiego, quindi, nuovi posti di lavoro

project adv

L’informatica, le telecomunicazioni così come il digitale sono in continua crescita, lo dimostra l’incremento del settore di ben il 2,8%. In cima c’è il mobile business, che sale del 68% rispetto al 62% del 2016, seguito dai Big Data e il Cloud Computing. Ma il vero asso nella manica è il settore della Cyber Security che quest’anno si è incrementato particolarmente, passando dal 25% del 2016 all’attuale 54%.

Secondo il 48° Rapporto “Il digitale in Italia” reso noto da Assinform e Confindustria Digitale, in Italia mancano 85mila nuovi specialisti, per il biennio 2016-2018, 65mila dei quali per soggetti di primo impiego. I profili che mancano sono quelli di Data Scientist, Business Analyst, Project Manager, Security Analyst ecc. Queste sono tutte figure indispensabili per portare a termine quel processo di digitalizzazione cui sta andando incontro il Paese.

“Chiederemo alla ministra Fedeli di puntare con il piano Scuola Digitale più sulla formazione delle persone – ha detto il presidente di Confindustria piuttosto che sulle infrastrutture”. Il digitale sta iniziando a contaminare l’economia italiana ma siamo solo agli inizi. Bisogna ampliare la platea delle Pmi e nella trasformazione digitale e la Pa è ancora troppo lenta” ha dichiarato, invece, il presidente di Assinform.

 
Video del giorno