Elezioni 2018, Berlusconi e i comunisti: il ritorno

PoliticaElezioni 2018, Berlusconi e i comunisti: il ritorno

L’ossessione del Cavaliere Silvio Berlusconi, in vista delle elezioni politiche, ritorna prepotentemente. E non è la prima volta

Sono Tornato, recita il titolo di un celebre film uscito da pochi giorni a questa parte nelle sale cinematografiche. Ebbene, questo titolo può essere applicato anche per quanto riguarda il Cavaliere Silvio Berlusconi, in particolare per quella che sembra essere la sua ossessione latente: i comunisti.

L’unica differenza con il 1994, e con quella che fu la campagna elettorale denigratoria nei confronti di una sinistra che da lì cominciò le sue famose scissioni, è il nemico. Infatti, ora l’ossessione ha assunto un’altra forma: quella del Movimento 5 Stelle.

La ragione è presto detta. La paura nei confronti di un avversario politico che, negli ultimi tempi, è cresciuto davvero a dismisura, è molto forte.
Il partito “grillino”, da piccola realtà è diventato, a conti fatti, il più amato dal ceto medio-basso. E di riflesso il pericolo numero uno in vista delle elezioni politiche.

I risultati, almeno per ora, danno ragione ai suoi metodi. Il centrodestra potrebbe tornare alla ribalta dell’Italia per l’ennesima volta, stando a ciò che i sondaggi stanno dicendo nelle ultime settimane. Ma la partita è ancora tutta da giocare e, sebbene leggera, una flessione si sta pian piano consumando nell’ala partitica.

Antonio Jr. Orrico
Studente al terzo anno di Scienze della Comunicazione, con una passione innata per il giornalismo, per la scrittura, per la lettura e per la musica.

Covid-19

Italia
54,866
Totale di casi attivi
Updated on 23 July 2021 - 16:49 16:49