Elezioni 2018, Salvini difende Fontana sulla questione immigrati



salvini

Ancora polemiche dopo le frasi del candidato del centrodestra alla Regione Lombardia. Il leader della Lega Matteo Salvini ha cercato di sostenere le parole di Fontana

La polemica non accenna a placarsi. Anzi, sicuramente diventerà uno dei principali motivi di discussione per quanto riguarda le elezioni politiche del prossimo 4 Marzo.
Dopo le parole di ieri a Radio Padania di Attilio Fontana, candidato del centrodestra in Lombardia, si è alzato un polverone gigantesco.

Matteo Salvini, dal canto suo, sostiene a viso aperto Fontana e si schiera apertamente con lui e la sua idea politica. “Al governo normeremo ogni presenza islamica nel Paese. Esattamente come in tempi non sospetti ha sostenuto Oriana Fallaci, siamo sotto attacco, sono a rischio la nostra cultura, società, tradizioni, modo di vivere. È in corso un’invasione, a gennaio sono ripresi anche gli sbarchi. Il colore della pelle non c’entra e c’è un pericolo molto reale: secoli di storia che rischiano di sparire se prende il sopravvento l’islamizzazione finora sottovalutata” ha dichiarato il leader della Lega.

Pronta la replica del Movimento 5 Stelle e del Partito Democratico, che accusano Fontana di razzismo. “Berlusconi dice che siamo peggio dei post comunisti, che loro sono moderati e noi estremisti.. ma dopo la frase di Fontana sulla razza bianca siamo sicuri che sono loro i moderati? Se loro sono moderati allora io sono Gandhi. Vogliamo sapere se Fontana resta il loro candidato alla presidenza” ha dichiarato il candidato premier del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio.

In Lombardia ci aspettavamo un dibattito alto, bello, nobile, sui contenuti. E invece il candidato della destra, leghista, parla di “razza bianca” e di invasioni. Noi insieme a Giorgio Gori parliamo di innovazione e capitale umano. Siamo una squadra che sceglie il futuro, non la paura. Altro che farneticanti dichiarazioni sulla “razza bianca: il derby tra rancore e speranza è la vera sfida che caratterizzerà il 4 marzo, in Lombardia come nel resto del Paese.” ha scritto, in un post su Facebook, il segretario dem Matteo Renzi.

Leggi anche