Antonella Fattori: “Una nuova Elisa di Rivombrosa? Perchè no…”

Elisa di Rivombrosa Antonella Fattori

Antonella Fattori lancia ai nostri microfoni la proposta per uno spin-off di Elisa di Rivombrosa, quindici anni dopo: come reagirebbe il pubblico?

“Elisa di Rivombrosa è come un sogno, e i sogni non invecchiano mai”Antonella Fattori descrive così, in una battuta icastica ma densa, la sua esperienza tra i protagonisti di una delle fiction Mediaset più amate dei primi anni Duemila, di recente tornata in replica su Canale 5 con la prima stagione, il sabato pomeriggio alle 14.05.

“Elisa è una serie icona, come La Piovra, Sandokan, Montalbano. E l’affetto del pubblico è rimasto immutato”. 

Fattori, nata a Prato ma cresciuta artisticamente a Roma sotto l’ala protettiva  di Luca Ronconi, nella serie con protagonisti Vittoria Puccini e Alessandro Preziosi interpretava la sorella di lui, la Contessa Anna Ristori che, almeno inizialmente, si oppone senza pace alla relazione tra i due“E’ un personaggio che mi ha permesso di giocare molto. All’inizio è un personaggio duro, legato all’etichetta. Poi, quando il fratello sarà in pericolo, lei ed Elisa diventeranno quasi sorelle”.

La prima puntata di Elisa di Rivombrosa, andata in onda nel 2003, ha fatto registrare un successo inaspettato, cresciuto puntata dopo puntata, che Antonella Fattori racconta così: “Noi stessi attori che la facevamo non potevamo crederci. La serie è stata quasi una scommessa per Mediaset, che si chiedeva all’inizio se una serie in costume potesse funzionare per il suo target”.

E ancora: “Quando mi sono resa conto che la scommessa era vinta? Quando la gente ha cominciato a fermarmi per strada o al supermercato inveendomi contro. Mi chiedevano di lasciar stare Elisa e Fabrizio, di non oppormi alla loro relazione. (ride, ndr)”

Diretta da Cinzia Th Torrini, Elisa di Rivombrosa ha avuto due serie “regolari” e uno spin-off La Figlia di Elisa-Ritorno a Rivombrosa

E se qualcuno decidesse di tornare a raccontare quel mondo e quei personaggi? Antonella Fattori pare incuriosita da questa eventualità: “Sarebbe interessante vedere cosa succederebbe quindici anni dopo, con i personaggi certo invecchiati, ma sarebbe uno spunto curioso, anche capire come il pubblico di oggi recepirebbe la storia“, per la gioia del pubblico e delle sue amiche: “Alcune di loro per ridere mi chiamano ancora Contessa!”.

In calce all’articolo l’intervista completa.

Intervista ad Antonella Fattori

Intervista ad Antonella Fattori a cura di Riccardo Manfredelli

Pubblicato da ZON.it su Venerdì 26 giugno 2020