napoli
Insigne nella precedente competizione

Iniziato da una settimana il campionato e Napoli, Lazio e Fiorentina dal 17 settembre dovranno pensare anche all’Europa League. I sorteggi di venerdì 28 agosto 2015

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Gruppo D: NAPOLI, Bruges (Belgio), Legia Varsavia (Polonia) e Midtjylland (Danimarca).

Gruppo G: Dnipro (Ucraina), LAZIO, St. Etienne (Francia) e Rosenborg (Norvegia).

Gruppo I: Basilea (Svizzera), FIORENTINA, Lech Poznan (Polonia) e Belenenses (Portogallo).

Europa League, le avversarie di Napoli, Lazio e Fiorentina
Europa League, le avversarie di Napoli, Lazio e Fiorentina

Possiamo dire che in “Europa League” và meglio che in Champions per le italiane: il sorteggio sorride a Napoli, Fiorentina e Lazio, che evitano le avversarie più pericolose (Liverpool per gli azzurri, Dortmund e Tottenham per le altre due). Sarri dovrà vedersela con Bruges, Legia Varsavia e Midtjylland.

Il carismatico Marek Hamsik e l’esperto “Pipita” saranno chiamati a dimostrare tutte le proprie qualità. Sousa, sulla panchina viola, tornerà a Basilea e sfiderà anche Lech Poznan e Belenenses. Pioli si giocherà la qualificazione con Dnipro (finalista della scorsa stagione), St. Etienne e Rosenborg.  Appuntamento allora al 18 maggio 2016 quando a Basilea si svolgerà la finale della competizione Europea.

[ads2]

Letture Consigliate
Articolo precedenteAnnalisa Scarrone, successo anche al cinema
Prossimo articoloAumento della desertificazione e migrazione sul pianeta
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...