Eurozona: il nuovo dietrofront di Salvini sulla moneta unica

Matteo Salvini
Foto: profilo Facebook ufficiale Matteo Salvini

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha dichiarato di voler restare nell’Eurozona. Ma i trattati andranno revisionati nel miglior modo possibile

Tra i temi che ruotano da sempre, fin da quando il Governo Lega-Movimento 5 Stelle si è insediato a Palazzo Chigi, è l’uscita dalla moneta unica. Uscita avallata in primis dal partito di Matteo Salvini, che oggi, però, stranamente ha effettuato un nuovo dietrofront sull’Eurozona.

In una conferenza stampa tenuta a Mosca, dove si trova per la finale dei Mondiali, il vicepremier ha assicurato che l’Italia non uscirà dall’Eurozona.
L’uscita dall’euro non è nel programma di Governo. È una moneta senza popolo e banca che non ha precedenti nella storia dell’uomo. Ma dobbiamo lavorare in questa realtà, con la moneta corrente e con gli strumenti in possesso, rivedendo alcuni trattati e norme come il bail in.

Dunque, la moneta unica non è in discussione. Discorso diverso, però, si può applicare per i trattati riguardanti la procedura monetaria europea. La revisione è ben accetta, e sicuramente il Ministro dell’Interno porterà questa battaglia anche nel Parlamento Europeo, al fianco del Movimento 5 Stelle.