Fedagri Campania: a Cascina Triulza si chiude, con una tavola rotonda con le istituzioni regionali e con una degustazione di prodotti cooperativi, la seconda settimana ad Expo 2015

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Fedagri Campania a Cascina Triulza conclude la seconda settimana ad Expo 2015 con una tavola rotonda: un dialogo aperto su intersettorialità, crescita del made in Campania ma senza ignorare la dimensione europea.

Questo confronto è l’inizio di un percorso che Fedagri Campania ha intrapreso da tempo e che intende rafforzare. È il percorso del dialogo costante con le istituzioni, della partecipazione ai processi decisionali e di sviluppo. La volontà delle nostre istituzioni di guardare da un lato al made in Campania, aggregando agroalimentare e turismo e dall’altro di essere sempre più parte di un sistema Europa, ci trova pronti a dare il nostro contributo. Apprezziamo la sensibilità che i nostri rappresentanti istituzionali manifestano da qualche tempo verso la cooperazione, anche a Milano”.

Così Alfonso Di Massa, presidente della Fedagri Campania, a margine della Tavola rotonda “La cooperazione nell’agroalimentare campano: qualità e opportunità”, svoltasi nell’ambito della seconda settimana da protagonista (24/30 agosto) che la Federazione ha vissuto all’Expo di Milano, insieme alle Organizzazioni dei Produttori APOOAT, La Strega dell’olio, APOC Salerno, AOA, ORO CAMPANIA, alle Cooperative agricole e sociali SAN GIORGIO CARNI, FUTURAGRO, TONDA DI GIFFONI, IL GERMOGLIO, il Consorzio di Tutela Olio DOP Colline Salernitane e il Consorzio di Tutela della Nocciola Giffoni IGP.

La Tavola rotonda, che si è tenuta nella sala workshop dell’area mercato di Cascina Triulza di cui Confcooperative è official sponsor, ha fatto luce su due temi: qualità dei prodotti cooperativi agroalimentari campani e margini di sviluppo per il settore.

Fedagri Campania Expo 2015Vario il parterre dei relatori. Sono intervenuti: Corrado Martinangelo, Collaboratore Segreteria Particolare del Ministro Politiche Agricole; Francesco Picarone, Presidente Commissione Bilancio Regione Campania; Filippo Diasco, Direttore Generale Assessorato Agricoltura Regione Campania; Federico Capuano dell’Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno e Tommaso Mario Abrate, Vice presidente Fedagri Nazionale. Quel che ne è emerso è l’impegno della Regione, per il prossimo futuro, a tutelare le eccellenze campane, ragionando anche in un’ottica intersettoriale (turismo e enogastronomia) e di accelerare sul nuovo PSR, i cui bandi dovrebbero essere pubblicati entro fine anno.

Ci sono stati anche i saluti di Maria Patrizia Stasi, Presidente regionale di Confcooperative Campania:“Non posso che essere soddisfatta di queste due settimane trascorse a Milano. La presenza delle istituzioni ci incoraggia e conferma che non possiamo più prescindere da una concertazione sempre più stabile e proficua per la crescita del settore”.

La giornata della Fedagri Campania si è conclusa con una cena-degustazione dei prodotti cooperativi agroalimentari campani: olio, vino rosso e bianco, formaggio, miele, carne del vitellone bianco dell’Appennino IGP, colatura delle alici di Cetara, pomodoro San Marzano DOP, frutta e verdura, sott’oli, pomodorini di collina, nocciola tonda di Giffoni IGP, cucinati e serviti per l’occasione da CIR FOOD, Cooperativa Italiana di Ristorazione. L’area pic-nic di Cascina Triulza si è animata di musica, buoni sapori e momenti di convivialità, prosieguo della degustazione di nocciole e di olio del pomeriggio.

[ads2]

Letture Consigliate