francesco mazzotta

La magia del Salento fa da sfondo al romanzo di Francesco Mazzotta intitolato L’amore perduto. Un salernitano riuscito a conquistare la Biblioteca di Roma

[ads1] Il sole, il mare, le spiagge dorate del Salento sono la cornice del primo romanzo edito di Francesco Mazzotta, chiamato L’amore perduto. Il giovane, cresciuto a Baronissi in provincia di Salerno, è in realtà di origini salentine, ed il suo amore è trasposto in questo racconto dalla narrazione fluida e le descrizioni che permettono al lettore di immergersi completamente in essa.

La storia strizza l’occhio ad un genere molto tradizionale, ma sa essere coinvolgente e molto articolata, con continui flashback e flussi di coscienza. 

Francesco Mazzotta
Francesco Mazzotta, da Baronissi alla Biblioteca di Roma

Il romanzo di Francesco Mazzotta parte da un tempo presente, in cui un ragazzino e suo nonno sono sulla spiaggia a rimagliare le reti, e il nipote con una di esse pesca qualcosa, un oggetto che sarebbe stato destinato al nonno almeno trent’anni prima: un messaggio all’interno di una bottiglia. 

Da questo episodio comincia il racconto del nonno, piena dei ricordi del suo primo amore: una ragazza con la quale intratteneva una relazione segreta. Un bel giorno la sua amata non si presenta al consueto appuntamento, e scopre che lei e la sua famiglia stanno per partire. La ragazza gli lascia un messaggio, che però sfortunatamente lui non riuscirà mai a recuperare perchè si disperderà in mare. 

Il messaggio destinato al nonno conteneva una rilevazione: la sua fidanzata era rimasta incinta, ed i suoi genitori volevano costringerla ad abortire, pertanto vi era contenuto l’indirizzo della probabile clinica in cui sarebbe stata ricoverata.

Il nonno però avrà vita breve, e prega suo nipote di rintracciare questo figlio, ma una volta cresciuto il ragazzino non lo farà. Soltanto dopo una notte, quando li nipote ormai diventato uomo vede in sogno il nonno  che lo prega ancora una volta, si decide a partire.

Una storia semplice, nella quale però è infusa tutta la grande passione di Francesco Mazzotta per la Puglia, il quale cerca di coinvolgere il lettore proprio a livello sensoriale: vederne i colori, sentirne i profumi, ed ogni sensazione.

Il romanzo di Francesco Mazzotta è edito da Book Sprint.

[ads2]

Articolo precedenteCaccia russo abbattuto al confine con la Siria
Prossimo articolo“Le Iene”, puntata concentrata sull’Isis
Avatar
Classe 1987, ho frequentato l’Università degli Studi di Salerno, conseguendo la Laurea di Primo Livello in Sociologia. Ho ottenuto una certificazione di frequenza per il corso di addetto/responsabile Ufficio Stampa e ho partecipato a diversi concorsi letterari, tra cui quello dell'estate 2015 del Circolo degli Artisti Salernitani, che mi è valso un Primo Premio. Lo scorso anno ho pubblicato il mio primo romanzo edito da Writers Editor, intitolato "Amore di papà". Sono un'attivista femminista e sostenitrice dei diritti LGBTIQ e gestisco una pagina Facebook sui diritti delle donne, "Doppia Vu Women Rights". Inoltre, ho il ruolo di segretaria provinciale presso la sezione NIDIL CGIL di Salerno.