23 Luglio 2018 - 17:22

Giffoni 2018, Jasmine Trinca e la sua collaborazione con Topolino

Jasmine Trinca

Ospite della quarta giornata del Giffoni Experience l’attrice Jasmine Trinca, già madrina del festival del 2017, parla della sua esperienza con Topolino

Ospite della quarta giornata del Giffoni Experience 2018. l’attrice Jasmine Trinca. Già madrina della 47esima edizione del festival, quest’anno è tornata per presentare la sua nuova collaborazione con Topolino.

Nell’incontro con la stampa, tanti i temi affrontati, dalle paure infantili fino alla connessione tra cinema e fumetto.

Come nasce l’idea?

La Trinca ci ha tenuto ad affermare che sin da piccola era una appassionata di Topolino. Non solo lettrice, ma addirittura collezionista dei fumetti per bambini. La collaborazione è nata qualche mese fa. L’idea di fondo della storia è nata da una affermazione della figlia che le ha acceso una lampadina. La storia narra di uno spaventoso gatto gigante che rappresenta un pò tutte quelle che sono le paure infantili. La morale della vicenda, ambientata a Paperopoli, insegna ad esorcizzare le proprie paure, fino a capire che sono solamente una creazione della nostra mente.

Cinema e fumetto, un connubio vincente

Educare al cinema è un argomento sempre più attuale. Specialmente qui in Italia, culla del cinema e della cultura, è sempre più necessario portare i bambini a scoprire ed appassionarsi al fantastico mondo “in sala”.  E così anche nell’avventura di Zio Paperone, sceneggiata da Jasmine Trinca in collaborazione con Giulio D’Antona, porta i nativi dell’era digitale alla scoperta del mondo dell’analogico. In un’epoca in cui tutto è fruibile via web, può essere una valida scoperta ed alternativa il mondo e la magia del cinema d’un tempo.

Alla fine della conferenza stampa, la Trinca incontrerà i ragazzi di Giffoni, con incontri mirati per parlare di cinema e fumetto.