Governo, Borghi affronta l’Unione Europea sul contratto



Borghi

L’economista della Lega Claudio Borghi attacca pesantemente i trattati UE. Il parlamentare, poi, non si è risparmiato ed ha rivendicato la bontà del contratto di Governo

La Lega comincia la guerra con l’Unione Europea. Claudio Borghi Aquilini, responsabile economico del partito, ha commentato l’ipotesi di cancellare i 250 miliardi di titoli di Stato italiani acquistati nel corso del Quantitative Easing.

Nel contratto non c’è nessuna proposta di cancellare una parte del debito dell’Italia. C’è semplicemente la richiesta di un cambio di regole contabili per cui i titoli acquistati dalla BCE di tutti i paesi europei non contino per il calcolo del rapporto debito/PIL. ha dichiarato Borghi.

Lo stesso economista, poi, non si è risparmiato dall’attaccare pesantemente l’Unione Europea e i suoi trattati economici:
I mercati lo hanno interpretato come un segnale che potremmo non ripagare il debito? È perché non conoscono l’economia.”

Leggi anche