Ikea
Immagine da Pixabay

Il colosso svedese Ikea fa un passo in avanti verso la sostenibilità ambientale. Nel 2021 introdurrà la vendita online di pezzi di ricambio per i suoi mobili

Un 2021 all’insegna di una maggiore sostenibilità per il colosso svedese dei mobili economici Ikea. Sembra infatti che l’azienda abbia deciso di iniziare a vendere pezzi di ricambio per i suoi prodotti, consentendo così ai clienti di non esser costretti ad acquistare interi complementi d’arredo quando danneggiati. Ad oggi, infatti, nonostante la grande economicità dei suoi articoli, non è possibile riparare eventuali danni o procurarsi singoli pezzi.

Potrebbe interessarti:

Oltre a questa importante novità, Ikea sta portando avanti altre iniziative, per ora ancora in fase di test.
L’anno scorso ad esempio aveva deciso di iniziare a ricomprare alcuni mobili usati (in particolare le librerie Billy) cedendo in cambio ai clienti dei buoni acquisto che del valore della metà dei prodotti nuovi. L’azienda rimette in vendita i mobili in questione, riciclandoli laddove impossibili da rivendere. L’obiettivo è quello di diventare un’azienda completamente circolare entro il 2030.
Questo interesse per la sostenibilità riguarda anche i materiali scelti per la merce in vendita. Un altro grande obiettivo è infatti quello di lasciare sempre più spazio a materiali riutilizzabili o riciclabili. Per il momento l’attenzione è concentrata sul legno, che al 2020 si è attestato per il 98% come proveniente da fonti certificate per la sostenibilità ambientale o da ricicli. Sempre entro il 2030 vorrebbe che almeno un terzo del legno che usa sia riciclato.

La grande economicità dei prodotti di Ikea, oltre a rappresentare un grande vantaggio in termini di competitività è anche una delle ragioni per cui l’azienda è stata spesso accusata di stimolare comportamenti consumisti. Le accuse sono state tuttavia smontate da Lena Pripp-Kovac, responsabile della sostenibilità a Inter Ikea, che ha ribadito il fatto che il basso costo dei prodotti non significa che debbano essere considerati usa-e-getta.

Letture Consigliate