inter
immagine da Instagram Zhang

Nonostante la conquista dello scudetto, la situazione finanziaria dell’ Inter rimane delicata. Il presidente: “No a premi e bonus, bisogna risparmiare”

In casa Inter dopo la conquista dello Scudetto, la situazione finanziaria è rimasta pressochè la stessa di prima. Troppo pochi i premi per risolvere la questione del pesante passivo in bilancio che non è stato saldato dalla proprietà a causa dei bassi ricavi causati dalla pandemia.

Potrebbe interessarti:

Ora è stato ribadito formalmente anche dal presidente Steven Zhang ai dirigenti: “La parola chiave ora è risparmiare”.  Zhang, inoltre, ha fatto a tutti i dirigenti (35 in totale) un discorso di estremo realismo. Innanzitutto, però, il giovane presidente ha confermato che la continuità aziendale non sarà messa in discussione. Suning continuerà a sostenere l’Inter e per il momento non ci sono cessioni in vista. Cosa che era stata ribadita anche dal capofamiglia Zhang Jindong nella sua lettera di congratulazioni al club nerazzurro per la vittoria del titolo.

Zhang jr., è andato nello specifico e ha chiesto un “aiuto” a tutti i componenti della macchina nerazzurra. A tutti i dirigenti è stato chiesto anche uno sforzo dal punto di vista economico, ovvero la rinuncia ai vari bonus presenti nei contratti, legati alle vittorie sportive e a svariati obiettivi. La parola chiave spesso ripetuta adesso è una sola: “austerity”.

Nei prossimi giorni Zhang potrebbe fare lo stesso discorso anche alla squadra e ad Antonio Conte. Il mantra del momento dal quel punto di vista è l’abbassamento del monte ingaggi, che allo stato attuale è insostenibile. Ma questo tuttavia non vuole dire che sarranno ceduti i pezzi da 90 dell’Inter campione ma che ci saranno riflessioni su chi ha uno stipendio alto e che non è centrale nel progetto nerazzurro.

Letture Consigliate