Isola di Ischia “non solo mare”: fra trekking ed escursioni

isola di ischia

Isola di Ischia “non solo terme e mare”, ma molto di più: fra trekking, sport e natura, andiamo alla scoperta dell’isola più grande del Golfo di Napoli

L’isola di Ischia è conosciuta ovunque per le sue meravigliose spiagge dall’acqua cristallina, e per le sue famose acque termali;

la sua natura vulcanica, infatti, la rendono uno dei maggiori centri termali d’Europa.

isola di ischia

Ma l’Isola di Ischia non è solo questo… è molto di più.

Vi è una realtà sconosciuta ai “classici” turisti che si fermano sulle rive delle spiagge, fatta di escursioni per sentieri naturali, fra boschi, pinete e castagneti, e con scenari mozzafiato a picco sul mare. I più avventurosi e temerari, potranno infatti cimentarsi nel percorrere gli innumerevoli sentieri di trekking, completamente immersi nella natura, che vi porteranno alla scoperta di un’isola completamene diversa;

isola di ischia

ve ne sono davvero tanti, e adatti a tutti, di breve o lunga durata, e di varie tipologie di difficoltà.

Potrete scalare monti e colline, scoprendo le antiche fosse della neve e case di pietra, per raggiungere la vetta più alta dell’isola, il Monte Epomeo; e potrete poi ridiscendere fino al livello del mare, fra baie e conche naturali, come la Scarrupata e la Baia della Pelara.

L’Isola di Ischia va scoperta a piedi!

Come ci dimostra il grande successo che ha ottenuto, anche quest’anno, l’iniziativa promossa dalla Pro Loco Panza,  in collaborazione con associazioni sportive come Nemo Ischia ed il CAI Ischia, denominata Andar per sentieri, e che ogni anno conduce residenti e turisti alla scoperta delle bellezze dell’isola, fra itinerari inediti per conoscere l’anima verde di Ischia.

Oltre a questa iniziativa annuale, vi sono molti siti on-line che offrono informazioni dettagliate e specifiche su tutti i sentieri, o quasi, presenti nell’isola; noi ve ne proponiamo alcuni, siti nei comuni di Forio, Serrara Fontana, e Casamicciola Terme, che ci hanno rubato cuore ed anima.

Il sentiero della Pelara

Un sentiero dal panorama mozzafiato e quello che ci conduce alla meravigliosa Baia della Pelara; una baia conosciuta da pochi, e meta esclusiva per chi vuole riscoprire l’identità selvaggia e autentica dell’isola.

isola di ischia

L’itinerario, debitamente segnalato, è il medesimo che conduce al Monte di Panza, ma si dirama poi in una gola stretta che ci porterà ad attraversare un bosco di lecci e querce, per poi trovare corbezzoli, ginestre, eriche, ed ancora un tappeto di felci, fino a raggiungere il mare.

isola di ischiaLì potremo accomodarci e rilassarci nell’ammirare il meraviglioso e magico panorama dinnanzi e intorno a noi.

Il sentiero che conduce in fondo a quest’alveo naturale, è stato ripristinato nel 2011 dalla Pro Loco di Panza, consentendo così a turisti e residenti di (ri)scoprire uno dei gioielli naturalistici dell’isola d’Ischia.

Sentiero Serrara – Crateca

isola di ischiaUn altro sentiero mozzafiato e quello di Serrara – Crateca, che ci conduce alla scoperta delle antiche e suggestive fosse della neve, delle case di pietra, e delle fumarole.

Partendo dal comune di Serrara Fontana, nei pressi del  ristorante Bracconiere, ci si inoltra in un paesaggio magico e suggestivo, che ci donerà scenari mozzafiato a picco sul mare, fino a condurci nella fitta vegetazione del bosco dei Frassitielli e del bosco della Falanga, dove la realtà incontra la fantasia;

in questo bosco di castagni potremo infatti ammirare le tipiche fosse della neve, utilizzate per accumulare e conservare ghiaccio per il periodo estivo, che le  Case di Pietra, i famosi rifugi scavati nei massi di tufo precipitati dal monte Epomeo.

isola di ischiaLa traversata nel bosco continuerà fino alla località Pizzone, dove l’improvvisa mancanza di vegetazione ci annuncia la presenza di fumarole, fenomeni vulcanici secondari rintracciabili in diverse zone dell’isola, e testimonianza di una attività vulcanica ancora attiva dell’isola.

La discesa a valle, che ci condurrà infine a Crateca, proseguirà nuovamente immersa nel bosco, questa volta di lecci ed eriche in perfetto stile Macchia mediterranea.

Fonte: Andar per sentieri

Sentiero Fontana – Monte Epomeo – Pietra dell’acqua

isola di ischiaRaggiungiamo ora la cima più alta dell’Isola di Ischia, il Monte Epomeo, con i suoi 789 metri s.l.m.

Il sentiero più agevole per raggiungerla parte da Fontana, con un dislivello di circa 400 mt e una distanza di soli 3 Km, completamente segnalati e di facile percorrenza, che ci condurranno fin sulla sommità del monte, dal quale potrete ammirare appieno la bellezza dell’isola.

(altri sentieri più impegnativi, consigliati ai più temerari, raggiungono la vetta da diverse località.)

Si ridiscende percorrendo il sentiero che porta a Pietra dell’Acqua, un enorme masso di tufo che funge da cisterna.

Questi sono solo alcuni degli innumerevoli e meravigliosi percorsi presenti sull’isola;

isola di ischia

potete visionarne un elenco dettagliato nei siti sotto riportati.

Fonti sentieri e trekking:

Dove Dormire

Per godere appieno del vostro soggiorno, vi consigliamo la meravigliosa struttura l’Hotel Villa Miralisa, situata in una posizione strategica, a pochi minuti dai sentieri che conducono alla Baia della Pelara e al Monte Panza, ed a poca distanza da Serrara Fontana, dove partono i trekking di Serrara-Crateca e quello per il Monte Epomeo.

Completamente immerso nel verde, l’albergo è dotato di un meraviglioso giardino esotico con oltre 1.500 tipologie differenti di piante, ed è fornito di ben 3 piscine, di cui 2 con acque caldi termali ed una a temperatura ambiente, che sanno offrire il massimo benessere ai loro ospiti, per trascorrere un soggiorno indimenticabile.

Con un certificato di eccellenza Trip Advisor, l’albergo si compone di 32 camere, fra standard, vista mare, superior e suite, tutte arredate con eleganza e sobrietà, ed attrezzate dei migliori comfort.

Presso il ristorante dell’albergo è inoltre possibile gustare pietanze uniche e tradizionali, con prodotti a km 0;

dalla colazione, con dolci fatti in casa fra cui la famosa pastiera napoletana preparata dalla cuoca con la ricetta tradizionale tramandata da generazioni, alla cena, data da portate prelibate e tipiche isolane, fra cui il “pacchero all’ Enrico”, preparato con pomodorini freschi, melanzana, provola e basilico, ed il coniglio all’Ischitana, cotto come da tradizione in un tegame di terracotta.

Leggi anche:

Scritto da Annalisa Galloni